Un’elezione contaminata, accuse di pregiudizio di genere e poi niente

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 26 Secondo

Il caso e le sue conseguenze hanno evidenziato come funziona il potere negli sport globali. Mostra come un reale del Golfo contaminato legati ad altri casi di corruzione è stato in grado di esercitare un controllo significativo su uno dei più grandi organi di governo del calcio anche se non ha alcun ruolo ufficiale nei suoi affari. E mostra come una strategia di ritardo possa essere il suo genere di ingiustizia.

Il caso di Mohamed aveva radici nella risposta della FIFA ai suoi problemi di discriminazione: per affrontare la mancanza di donne nel suo consiglio di amministrazione, l’organizzazione dal 2013 ha riservato seggi specifici per le donne, iniziando con un membro votante nel 2013 e ora almeno uno da ciascuna delle sei confederazioni regionali della FIFA.

Mohamed, ex calciatore e allenatore delle Maldive, un arcipelago nell’Oceano Indiano, aveva sperato di conquistare il posto dell’AFC in un voto a Kuala Lumpur nell’aprile 2019. Non le ci è voluto molto per rendersi conto che i potenti mediatori asiatici il calcio aveva già deciso l’esito delle elezioni.

Ha presentato le sue prime denunce sull’elezione al dipartimento disciplinare della confederazione asiatica un mese dopo. Le e-mail mostrano che l’organizzazione ha risposto alle sue richieste insistendo sul fatto che aveva avviato un’indagine, anche se sembra che sia stato fatto poco. L’AFC, citando la riservatezza, ha rifiutato di fornire qualsiasi prova della sua indagine al tribunale.

Poi, in un’udienza al Tribunale Arbitrale dello Sport lo scorso luglio, l’AFC ha appena presentato una difesa. I suoi avvocati non hanno offerto testimoni per contestare la testimonianza di Mohamed secondo cui un alto funzionario della confederazione e il capo della federazione calcistica del Qatar erano stati presenti in una suite di un hotel di lusso quando lo sceicco kuwaitiano, Ahmad al-Fahad al-Sabah, ha detto a Mohamed che aveva deciso che la sua candidata preferita, Mahfuza Akhter Kiron del Bangladesh, sarebbe stata eletta rappresentante femminile dell’AFC al Consiglio FIFA.

A Mohamed è stato detto che avrebbe dovuto abbandonare la sua candidatura e farlo entro 24 ore. In seguito ha affermato, in una testimonianza che non è stata contestata dalla AFC, che lo sceicco Ahmad ha tentato di tranquillizzarla dicendo che aveva così tanta influenza nei circoli calcistici internazionali che avrebbe potuto ottenere per lei “qualsiasi altra posizione di sua scelta presso la AFC o la FIFA” in cambio del suo ritiro.

A questo punto, lo sceicco Ahmad non aveva un ruolo ufficiale nel calcio, avendo rassegnato le dimissioni dalla sua posizione nel Consiglio FIFA nel 2017 dopo che un tribunale federale degli Stati Uniti aveva accuse di aver corrotto funzionari asiatici. Ma la decisione di Mohamed di portare il suo caso in tribunale ha fornito una rara visione pubblica della sua continua statura di mediatore di potere negli sport globali attraverso il suo ruolo di presidente del Consiglio Olimpico dell’Asia, un’organizzazione creata da suo padre nel 1982.

#Unelezione #contaminata #accuse #pregiudizio #genere #poi #niente

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *