Il virus è finalmente arrivato per Nunavut, il remoto territorio canadese.

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 10 Secondo

La pandemia non è arrivata nel territorio del Nunavut, nell’estremo nord del Canada, fino all’inizio di questo mese. Lunedì, il premier della vasta ma scarsamente popolata regione artica ha imposto la chiusura di due settimane della maggior parte delle aziende, delle scuole e degli eventi dopo che il numero di casi confermati ha raggiunto 26.

I casi riguardano tre comunità, ma lunedì i funzionari hanno affermato di temere che il virus si sia già diffuso in altri luoghi del territorio.

“Pensalo come un interruttore di circuito, un’opportunità per ripristinare”, ha detto Joe Savikataaq, il premier. “Nessuno è al di sopra delle regole qui. Mettiamolo in chiaro, quindi non ci sono malintesi. “

Le limitate risorse mediche nel territorio significano che i pazienti che necessitano di cure sofisticate devono essere trasportati in aereo verso sud. Una persona infetta nell’attuale epidemia è stata evacuata in un ospedale a Winnipeg, Manitoba, a circa 900 miglia di distanza. Da allora quella persona è stata rilasciata e si sta riprendendo.

La ricerca dei contatti deve ancora stabilire l’origine del primo caso noto nel territorio, il 6 novembre. Fino ad allora, il Nunavut era stata l’unica regione del Canada non toccata dalla pandemia. Il Canada, un paese di 38 milioni di persone, ha avuto un totale di circa 300.000 casi di coronavirus e 11.000 decessi, secondo un Database del New York Times.

#virus #finalmente #arrivato #Nunavut #remoto #territorio #canadese

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *