In Germania, 300.000 scolari sono messi in quarantena a casa.

Visualizzazioni: 20
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 24 Secondo

BERLINO – Più di 300mila bambini in età scolare in Germania sono attualmente messi in quarantena a casa a causa del coronavirus, secondo una stima della federazione tedesca degli insegnanti. La notizia, riportata per la prima volta dal tabloid Bild, arriva mentre alcuni stati stanno considerando di estendere le pause invernali per rallentare le infezioni nelle scuole.

“I nostri politici si affidano alle autorità sanitarie e non al sistema scolastico stesso per proteggere gli alunni dalle infezioni”, ha affermato Heinz-Peter Meidinger, presidente dell’Associazione tedesca degli insegnanti.

Il signor Meidinger stima che tra il 2,5% e il 3% di tutti gli studenti del paese siano in quarantena perché sono stati infettati o esposti al virus. Il secondo blocco a livello nazionale della Germania, iniziato all’inizio di questo mese, non include scuole e asili nido, che possono essere chiusi individualmente dalle autorità sanitarie se vengono colpiti da un’epidemia.

Nella seconda settimana del blocco, la Germania ha mostrato una marcata riduzione del numero di riproduzioni, il che significa che mentre il numero di nuove infezioni segnalate quotidianamente rimane elevato (martedì le autorità sanitarie hanno registrato 18.487 nuovi casi) il tasso di aumento giornaliero sembra essersi stabilizzato .

Secondo un nuovo sondaggio, quasi la metà degli adulti intervistati – il 48% – preferisce usare sempre le maschere nelle scuole. Attualmente molte scuole consentono ai bambini di togliersi le maschere una volta che si sono seduti.

Nella Renania settentrionale-Vestfalia, dove circa 50.000 degli 1,9 milioni di bambini in età scolare dello stato sono messi in quarantena a casa, il governatore sta valutando di estendere la pausa natalizia per ridurre il numero di trasmissioni che si verificano nelle scuole.

#Germania #scolari #sono #messi #quarantena #casa

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *