‘Jetman’ che volava accanto a un aereo muore durante l’allenamento a Dubai

Visualizzazioni: 15
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 22 Secondo

Vincent Reffet, uno stuntman francese noto per i salti che sfidano i limiti dalle torri più alte del mondo e dalle montagne più alte, e le imprese aeree insieme agli aerei che utilizzano un jetpack, è morto martedì a Dubai durante una sessione di allenamento, ha detto la sua compagnia. Aveva 36 anni.

Un campione del mondo di volo libero e un appassionato BASE jumper (coinvolgendo salti da torreggianti statiche oggetti piuttosto che da un aereo), il signor Reffet aveva intrapreso imprese mozzafiato tra cui un record salto di oltre 2.700 piedi da una piattaforma sopra il Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo e a tuffarsi a mezz’aria in un aereo da una montagna di 13.000 piedi in Svizzera.

Jetman Dubai, di cui era membro, ha confermato la sua morte ma non ha fornito ulteriori dettagli. La polizia di Dubai e la General Civil Aviation Authority degli Emirati Arabi Uniti non hanno risposto alle richieste di commento.

“Vince era un atleta di talento e un membro molto amato e rispettato della nostra squadra”, ha detto Jetman Dubai in una dichiarazione, aggiungendo che il gruppo stava lavorando con le autorità.

La statura del signor Reffet è aumentata vertiginosamente nel 2015 dopo aver attirato l’attenzione di Yves Rossy, un appassionato di aviazione svizzero che è diventato il primo uomo a volare con un’ala a propulsione a reazione e in seguito ha invitato il signor Reffet a diventare un secondo “Jetman” per il suo gruppo.

A Dubai, il gruppo ha collaborato con XDubai, un marchio di sport estremi approvato dal principe ereditario. In un’acrobazia diventata virale, la coppia ha volato con i jetpack sopra Dubai accanto a un Emirates Airbus 380, il più grande aereo passeggeri del mondo.

Figlio di due sommozzatori, il signor Reffet è cresciuto ad Annecy, nella Francia orientale. È stato introdotto nel mondo delle acrobazie aeree in tenera età, facendo il suo primo salto da solista nel 2000, secondo una biografia su il sito di Redbull, la bevanda energetica che lo ha sponsorizzato. Molte delle sue imprese sono state realizzate con il suo amico e stretto collaboratore Frederic Fugen, con il quale ha anche iniziato Volantini dell’anima, una squadra di paracadutisti e saltatori.

Nelle interviste, il signor Reffet aveva parlato della liberazione che gli dava volare con un jetpack e della gioia che provava oltre i confini.

“È la sensazione di libertà”, ha detto all’Associated Press nel 2015. “Quando faccio paracadutismo, provo questa sensazione di libertà – mi piace praticamente andare dove voglio – ma scendo sempre”. Tuttavia, con il jetpack, ha detto: “Posso volare come un uccello”.

Il BASE jumping è uno degli sport ricreativi più pericolosi al mondo e, anche con un jetpack, il signor Reffet era consapevole dei pericoli legati alle sue acrobazie.

“Per essere completamente autonomi, c’è il rischio, sai, di perdere la vita. Qualcosa va storto, devi agire in fretta “, ha detto in”Loft: The Jetman Story ”, un documentario. E l’euforia di imprese come lo zoom su un aereo sopra le montagne svizzere era una battaglia “mentale” che avrebbe lasciato una persona “malata di stomaco”, ha detto l’agenzia di stampa Agence-France Presse il mese scorso.

Le sue imprese su paesaggi come lo skyline di Dubai, la montagna più alta d’Europa, Mont Blanc e Grotta di Tianmen in Cina, girato in alta definizione e pubblicato su YouTube, ha portato nell’esperienza il pubblico di tutto il mondo.

A febbraio, ha realizzato quello che Jetman Dubai ha definito un primo: decollare con un jetpack da terra prima di fare un volo in alta quota, una mossa che ricorda l’eroe Marvel Iron Man.

Ha anche detto di recente sui social media che c’era “molto di più in arrivo”.

I fan hanno reso omaggio al signor Reffet la sua pagina Instagram mercoledì, con alcuni che hanno detto che li aveva ispirati a entrare nello sport. “Tu e Fred siete entrambi il motivo per cui ho iniziato a saltare 7 anni fa”, ha scritto uno, riferendosi al signor Fugen, suo collaboratore. “Per sempre vola libero.”



#Jetman #che #volava #accanto #aereo #muore #durante #lallenamento #Dubai

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *