La lotta per il controllo del Senato

Visualizzazioni: 26
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 24 Secondo

Vuoi ricevere The Morning via e-mail? Ecco la registrazione.

La stagione elettorale di quest’anno a volte è sembrata la più lunga mai vissuta dal paese. È stato brutto. È avvenuto durante una pandemia che ha tenuto molti di noi a casa. E non è ancora finita.

Non è nemmeno un riferimento a quello del presidente Trump rifiuto continuato di concedere – che, pur danneggiando la credibilità della democrazia americana, è estremamente improbabile che cambi il risultato.

Quando dico che la campagna non è finita, mi riferisco alla Georgia. A causa di entrambe le circostanze e di una stranezza nella legge di quello stato, la Georgia ospiterà due elezioni di ballottaggio al Senato il 5 gennaio (salvo un improbabile cambiamento nei totali dei voti attuali). Le implicazioni sono enormi.

Se i Democratici vincono entrambi, controlleranno strettamente il Senato e Joe Biden sarà in grado perseguire una legislazione ambiziosa su coronavirus, cambiamento climatico, creazione di posti di lavoro, tasse e altro ancora. Se i repubblicani vincono uno dei seggi in Georgia, manterranno il controllo del Senato (salvo un improbabile cambiamento nei totali dei voti di un altro stato) e Biden avrà bisogno di uno o più voti repubblicani per approvare qualsiasi disegno di legge.

In un’epoca precedente, la differenza tra questi due scenari potrebbe non essere stata enorme. In ogni caso, i moderati del Senato, di un partito o dell’altro, sarebbero stati la chiave per approvare i progetti di legge. Ma la nostra era polarizzata è diversa, specialmente per i repubblicani del Congresso.

Li avevamo quasi uniformemente riluttante lavorare con i presidenti Bill Clinton o Barack Obama sulla legislazione principale, occupandosi di tasse, clima, assistenza sanitaria, stimoli economici e altro ancora. Obama ha offerto vari compromessi – come sistemi basati sul mercato per espandere l’assicurazione sanitaria o combattere il cambiamento climatico – e ancora non è riuscito a ottenere voti repubblicani. La situazione è stata più sfumata con i Democratici al Congresso durante le presidenze repubblicane, poiché le coalizioni bipartisan hanno approvato grandi progetti di legge stimolo, Medicare e formazione scolastica dal 2000.

Forse Biden si dimostrerà in qualche modo più abile nel trovare voti repubblicani di Obama o Clinton. Più probabilmente, però, le elezioni in Georgia daranno forma a Washington almeno per i prossimi due anni.

La differenza più significativa è probabilmente sul cambiamento climatico. È “il problema che getta i deflussi georgiani in netto rilievo”, come ha scritto Ezra Klein di Vox. “Se i Democratici vincono 50 seggi al Senato, è possibile, anzi probabile, una legislazione sul clima su larga scala. Se non lo fanno, semplicemente non succederà “.

Ecco le basi sulla Georgia, se vuoi approfondire:

  • Uno dei due ballottaggi risolverà un’elezione speciale a seguito del pensionamento anticipato di Johnny Isakson, un repubblicano in cattive condizioni di salute. I primi due getter al voto nel primo turno di quelle elezioni speciali si troveranno ora uno di fronte all’altro. Sono il senatore Kelly Loeffler, un’imprenditrice repubblicana che il governatore della Georgia ha nominato al seggio, e Raphael Warnock, il capo pastore della chiesa di Atlanta che un tempo dirigeva Martin Luther King Jr..

  • Il secondo ballottaggio è tra il senatore David Perdue, un repubblicano che corre secondo il normale programma per un secondo mandato, e Jon Ossoff, il candidato democratico e regista di documentari. Perdue guida Ossoff, dal 49,7% al 47,9%, nell’ultimo conteggio dei voti. Ma la Georgia, a differenza della maggior parte degli stati, richiede un ballottaggio se nessuno dei due candidati vince il 50% alle elezioni generali del Senato.

  • Entrambe le parti considerano i ballottaggi della Georgia altamente competitivi. Biden attualmente guida Trump in Georgia, dal 49,5% al ​​49,2%.

  • Per saperne di più sui candidati al ballottaggio, prova questi profili: Richard Fausset del Times su Loeffler; Emma Green dell’Atlantico su Warnock; e Tamar Hallerman dell’Atlanta Journal-Constitution Ossoff e Perdue.

Sotto il mare: I clic dei delfini che litigano; il gorgoglio di uno sfiato idrotermale. Gli scienziati hanno ascoltato a lungo i suoni degli oceani, ma solo di recente lo hanno fatto rivolto alle parti più profonde del mare.

Vite vissute: Il sangue di Tom Heinsohn divenne verde. L’attaccante della Hall of Fame ha giocato in otto squadre del campionato NBA con i Boston Celtics, li ha allenati a due titoli ed è diventato la loro appassionata emittente televisiva per più di tre decenni. Lui morì a 86 anni.


Gli iscritti rendono possibile la nostra segnalazione, così possiamo aiutarti a dare un senso al momento. Se non sei un abbonato, per favore considera di diventarlo oggi.

Se non giochi ai videogiochi, è facile perdere di vista le dimensioni del settore. Lo scorso anno ha guadagnato 120 miliardi di dollari di entrate, quasi il triplo di Hollywood. Due terzi degli adulti negli Stati Uniti giocano ai videogiochi, sul telefono, su un computer o su una console. Il gioco è così popolare che milioni di persone visitano siti di streaming ogni mese per guardare altre persone giocare.

Eppure i videogiochi non attirano l’attenzione dei media quanto i film, la televisione, la musica o lo sport. Faremo la nostra parte per affrontare questo deficit dicendoti – se non lo sai già – che questa settimana è importante per il settore, perché stanno uscendo due nuove console per videogiochi: Sony PlayStation 5 e Microsoft Xbox Series X.

Le nuove console sono rare. Sia Sony che Microsoft hanno rilasciato le versioni più recenti dei loro sistemi sette anni fa. Le nuove console probabilmente rimarranno in circolazione per così tanto tempo, il che significa che queste saranno le macchine che alimenteranno i videogiochi per la maggior parte di questo decennio.

La differenza fondamentale con le nuove console è la qualità dell’immagine, con una grafica ancora più realistica. I nuovi sistemi promettono inoltre tempi di caricamento più rapidi.

“Anni di progressi tecnologici e sviluppo di giochi stanno arrivando a buon fine”, ci ha detto Kellen Browning, che si occupa di videogiochi per The Times. “Immagina se un nuovo iPhone uscisse solo una volta ogni sette anni: ecco com’è questo momento per i giocatori.”

Le recensioni: I giornalisti del Times valutano la PlayStation 5 e la Xbox Series X.

Il pangram dello Spelling Bee di ieri era figlioccio. Il puzzle di oggi è sopra, o puoi farlo tu giocare online se hai un abbonamento ai giochi.



#lotta #controllo #del #Senato

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *