L’Argentina autorizza la coltivazione della marijuana medicinale in casa

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 13 Secondo

BUENOS AIRES – Giovedì l’Argentina ha autorizzato le persone a coltivare marijuana a casa per uso medicinale, deliziando i sostenitori della cannabis che hanno lottato per anni per renderla ampiamente disponibile ai pazienti affetti da una vasta gamma di disturbi.

Emesso un decreto del presidente Alberto Fernández consente inoltre alle farmacie di vendere oli, creme e altri prodotti derivati ​​dalla cannabis e ordina a sistemi assicurativi pubblici e privati ​​di coprire questi farmaci per i pazienti che ottengono una prescrizione.

La mossa del presidente ha notevolmente ampliato la portata di una legge del 2017 che legalizzava la marijuana medica. I sostenitori della cannabis medicinale affermano che il predecessore del signor Fernández, Mauricio Macri, ha stabilito restrizioni così severe da rendere effettivamente il farmaco inaccessibile ai pazienti.

La misura è l’ultimo passo per ammorbidire le leggi sulla droga in America Latina. Nel 2017, L’Uruguay legalizzato marijuana ricreativa, venduta nelle farmacie, e La Colombia ha istituito un sistema di licenze coltivare cannabis per uso medicinale. I coltivatori domestici in Argentina avranno bisogno di una licenza basata sulle esigenze mediche.

“Ci battiamo per questo da tre anni”, ha detto Valeria Salech, a capo di Mamá Cultiva, un’organizzazione argentina che promuove la marijuana medica. “Non saremo più criminalizzati per aver cercato una migliore qualità di vita per noi stessi e per i nostri cari”.

La signora Salech è diventata una forte sostenitrice della marijuana medica quando ha visto gli effetti positivi che l’olio di cannabis ha avuto su suo figlio, Emiliano, che ha l’epilessia ed è autistico. Emiliano, che ora ha 14 anni, usa l’olio di cannabis da sei anni.

“La cannabis lo ha aiutato a migliorare la sua connessione con coloro che lo circondavano. È stato in grado di smettere di usare i pannolini, di prestare attenzione, ha imparato a giocare “, ha detto la signora Salech. “Ha cambiato le nostre vite.”

La legge del 2017 era così restrittiva che le persone acquistavano principalmente prodotti a base di cannabis sul mercato nero.

“C’era una legge ma non c’era accesso ai prodotti”, ha detto il ministro della Sanità argentino, Ginés González García. “Stiamo sostituendo un mercato nero che già esiste con il controllo di qualità che è fondamentale in tutti i prodotti medici, in particolare quelli che vengono dati ai bambini”.

La legge del 2017 consentiva solo ai pazienti con epilessia refrattaria l’accesso all’olio di cannabis e non era in atto alcuna procedura per ottenerlo legalmente attraverso lo stato. La signora Salech e altri attivisti hanno incoraggiato i consumatori di cannabis a coltivare le proprie piante, nonostante il fatto che ciò fosse contro la legge.

“Coltiviamo sapendo che in qualsiasi momento potremmo perdere la nostra libertà, ma lo facciamo perché non si può dare un prezzo alla qualità della vita”, ha detto la signora Salech.

La coltivazione della marijuana portava con sé pene detentive comprese tra i quattro ei 15 anni. Chi lo coltiva andando avanti senza licenza dovrà comunque affrontare quella penalità.

Il governo ora intende elaborare un sistema di licenze per autorizzare la coltivazione domestica. Spera inoltre di lavorare con laboratori medici interessati alla produzione di marijuana e suoi derivati.

L’approvazione sarà “caso per caso”, ha detto Gonzaléz García, ma ha sottolineato che ci sarà un’ampia comprensione delle patologie che potrebbero essere aiutate dalla cannabis.

“Anche se non fornisce una cura, migliorare la qualità della vita non è cosa da poco”, ha detto.

Il nuovo regolamento argentino consentirà anche la coltivazione da parte di terzi che coltivano cannabis per conto di persone con esigenze mediche.

Per ora, la piena legalizzazione della marijuana non è all’ordine del giorno del governo. Ma gli attivisti sono ottimisti sul fatto che la definizione di esigenze mediche verrà ampliata per includere il benessere generale.

“Se pensiamo alla salute solo come assenza di malattia, stiamo perdendo il punto”, ha detto la signora Salech. “Questa pianta è venuta per insegnarcelo.”

#LArgentina #autorizza #coltivazione #della #marijuana #medicinale #casa

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *