L’opposizione del Regno Unito richiede un’azione mentre la crisi del rivestimento degli edifici si aggrava

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 47 Secondo

LONDRA – Quasi quattro anni dopo un incendio ha ucciso 72 persone mentre attraversava la Grenfell Tower di Londra – un grattacielo rivestito di materiale infiammabile – Il partito di opposizione britannico chiede che il governo venga in aiuto di centinaia di migliaia di persone che vivono in appartamenti ed edifici pericolosi con rivestimenti simili.

Lunedì il Partito laburista ha chiesto che una task force nazionale si occupi della questione e ha esortato il governo a stabilire l’estensione del rivestimento pericoloso ancora sugli edifici in tutto il paese. Le misure fanno parte di una proposta emendamento a un disegno di legge sulla sicurezza antincendio volto ad aiutare le persone nelle case ancora avvolte in un rivestimento pericoloso. Darebbe la priorità agli edifici a più alto rischio, richiederebbe finanziamenti per rimuovere immediatamente i rivestimenti infiammabili e chiederebbe protezione ai locatari e ai contribuenti per evitare che si assumano il costo.

Keir Starmer, il leader laburista dell’opposizione, ha detto in una dichiarazione prima di un dibattito in Parlamento sulla questione che le misure devono “essere un punto di svolta per coloro che sono stati colpiti dallo scandalo del rivestimento”.

“Milioni di persone sono state risucchiate in questa crisi a causa di anni di tentennamenti, ritardi e soluzioni a metà da parte del governo”, ha detto Starmer. “Per molti locatari, il sogno di possedere una casa è diventato un incubo. Si sentono abbandonati, rinchiusi in case infiammabili e devono affrontare costi rovinosi per lavori di riparazione e misure di sicurezza provvisorie “.

L’incendio a rapida diffusione e devastantemente mortale alla Grenfell Tower nel giugno 2017 è stato causato dal rivestimento esterno, un’inchiesta iniziale sull’incendio trovato, con materiale composito di alluminio combustibile, o ACM, la causa principale della sua diffusione senza sosta.

Il rivestimento economico era stato a lungo vietato in molti paesi europei e negli Stati Uniti a causa del rischio di incendio che rappresentava. Ma in Inghilterra, è stato autorizzato per l’uso ampiamente. Dopo l’incendio di Grenfell, il governo ha promesso di rimuovere il materiale da edifici simili.

Ma negli anni successivi, e nonostante le numerose promesse del governo, ci sono ancora dozzine di edifici rivestiti con il materiale utilizzato nella Grenfell Tower, e ancor di più si ritiene che siano avvolti in altri rivestimenti infiammabili. Alcuni di questi materiali sono banditi dai nuovi edifici ma sono rimasti su quelli esistenti.

Sono stati identificati più di 400 grattacieli con lo stesso rivestimento dal governo. Alla fine ha diretto i finanziamenti per rimuovere il rivestimento dagli alloggi pubblici e si è impegnato a finanziare anche la bonifica di grattacieli residenziali privati.

Ma secondo il dati più recenti, rilasciati dal governo nel dicembre 2020, ci sono 165 grattacieli con esterni rivestiti in ACM non sicuri in tutta l’Inghilterra, la maggior parte dei quali nelle aree urbane di Manchester e Londra.

Inoltre, si ritiene che circa 200.000 appartamenti a molti piani, che ospitano circa 700.000 persone, siano avvolti in una sorta di materiale di rivestimento infiammabile, secondo il Times of London.

Stime del partito laburista che i problemi di rivestimento potrebbero interessare fino a 4,6 milioni di proprietà, sulla base della sua analisi dei dati del New Build Database e dell’Office for National Statistics.

In Inghilterra, la maggior parte degli appartamenti privati ​​vengono venduti come contratti di locazione a lungo termine, con l’edificio stesso di proprietà di un “freeholder”, spesso un gruppo di investimento, ed è stato difficile per i residenti o il governo ritenere i proprietari di edifici responsabili dell’utilizzo di materiale scadente .

Il costo è spesso trasferito ai proprietari di appartamenti e, nel caso di molti edifici con rivestimento combustibile, questi proprietari erano principalmente acquirenti per la prima volta, pensionati, immigrati e lavoratori a basso reddito. Esperti in alloggi dicono che la situazione potrebbe richiedere anni per essere risolta.

Diecimila persone vivono in appartamenti che non sono in grado di vendere e le banche non sono disposte a offrire nuovi mutui su proprietà che possono avere materiali combustibili. Altri, negli edifici dove il materiale è stato individuato ma non rimosso, sono stati lasciati a pagamento pattuglie di fuoco notturne per garantire la loro sicurezza. Dato che il costo di parte dei lavori di bonifica necessari sugli edifici viene trasferito ai locatari, molti dicono che la situazione è insostenibile.

E con la pandemia di coronavirus e i successivi blocchi nazionali che costringono le persone a trascorrere più tempo nelle loro case, molti dicono di essere ancora più sotto pressione.

Paul Afshar, 37 anni, un attivista con End Our Cladding Scandal, un gruppo che sostiene uno sforzo del governo per risolvere la crisi, possiede un appartamento a East London in un condominio di pochi piani con rivestimento che non è stato ancora completamente valutato.

Lui, come molti colpiti da problemi di rivestimento, ha acquistato la sua casa sotto una gestione governativa programma di proprietà condivisa. Possiede solo il 25 percento della sua proprietà, sebbene sia responsabile del 100 percento della sua manutenzione. Ciò significa che il costo per lui personalmente per la rimozione del rivestimento potrebbe ammontare a decine di migliaia di sterline. Altri in situazioni simili hanno dovuto dichiarare fallimento.

Non è ancora chiaro che tipo di rivestimento abbia il suo edificio; sta aspettando una valutazione. Ha cercato di vendere due volte la sua proprietà con una camera da letto negli ultimi 12 mesi. Ma nessun istituto di credito concederebbe un mutuo ai suoi potenziali acquirenti per paura che l’edificio abbia un rivestimento combustibile.

“Nel mio caso, e in molti casi di altre persone, non solo sei bloccato in un appartamento con rivestimento infiammabile, non puoi andartene, non puoi vendere”, ha detto. “Sei effettivamente intrappolato in una trappola antincendio.”

L’anno scorso, il governo ha annunciato un’espansione da 1 miliardo di sterline, o $ 1,4 miliardi, di un fondo per la sicurezza degli edifici per rivestimenti non ACM, e così via Domenica ha annunciato un fondo di soccorso da 30 milioni di sterline per i residenti che hanno dovuto pagare le pattuglie notturne. Ma le persone colpite dicono che semplicemente non è abbastanza.

Lunedì il governo ha affermato che quelle misure e due atti legislativi – un’imminente legge sulla sicurezza degli edifici e la legge sulla sicurezza antincendio – erano l’approccio corretto. Un emendamento separato al disegno di legge sulla sicurezza antincendio, presentato dai legislatori conservatori nelle ultime settimane, ha raccolto ampio sostegno, esercitando ulteriori pressioni sul governo per garantire che i costi non vengano trasferiti ai locatari.

I legislatori dietro quella misura hanno criticato i legislatori laburisti per aver utilizzato il dibattito di lunedì e un voto in gran parte simbolico sulla loro proposta di una task force, per ottenere punti politici.

Chris Pincher, il ministro per le abitazioni statali, parlando in Parlamento, ha difeso l’imminente disegno di legge sulla sicurezza degli edifici e il disegno di legge sulla sicurezza antincendio, aggiungendo che la questione era complessa.

“Non esiste una soluzione rapida, se ci fosse, l’avremmo fatto molto tempo fa”, ha detto.



#Lopposizione #del #Regno #Unito #richiede #unazione #mentre #crisi #del #rivestimento #degli #edifici #aggrava

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *