Mentre il mondo combatte il virus, la Croce Rossa afferma che è necessaria una risoluzione simile sul cambiamento climatico.

Visualizzazioni: 18
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 3 Secondo

Traendo insegnamento dalla vasta risposta globale alla pandemia di coronavirus, la Croce Rossa ha affermato martedì che i governi di tutto il mondo dovrebbero mostrare lo stesso impegno nei loro sforzi per affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici.

“Il Covid-19 ha dimostrato che l’umanità ha la capacità di riconoscere e rispondere a una crisi globale, trovando risorse dove nessuna sembrava disponibile”, ha affermato la Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa nel suo annuale Rapporto sui disastri mondiali.

La minaccia del cambiamento climatico non è diminuita durante la pandemia. In effetti, in molti modi ha aggravato le difficoltà delle persone che lottano per riprendersi da disastri naturali. La pandemia ha deviato risorse dalla risposta al disastro, mentre blocchi, allontanamento sociale e altre misure per contenere la diffusione del virus hanno rallentato le evacuazioni e ostacolato i soccorsi, afferma il rapporto.

“Il cambiamento climatico non sta aspettando che il Covid-19 venga portato sotto controllo”, ha detto. “Molte persone sono direttamente colpite dalla pandemia e dai disastri causati dal clima contemporaneamente”.

La pandemia rappresenta un’opportunità per “guardare direttamente di fronte alla crisi climatica” e prepararsi seriamente. Descrivendo la carenza di finanziamenti per il clima come “quasi banale” rispetto ai pacchetti di stimoli multimiliardari che sono stati creati in risposta al virus, il rapporto ha esortato i governi a creare pacchetti di soccorso pandemico che includano investimenti per aiutare le comunità ad adattarsi ai cambiamenti climatici.

Secondo il rapporto, nei primi sei mesi della pandemia si sono verificate più di 100 inondazioni, ondate di calore e altri disastri naturali, la maggior parte dei quali attribuibili a condizioni meteorologiche estreme o cambiamenti climatici, che hanno colpito più di 50 milioni di persone. Includono inondazioni in Kenya, Somalia, India e Bangladesh.

Più recentemente, una serie di cicloni ha colpito milioni di persone nelle Filippine, che hanno una delle peggiori epidemie di coronavirus nel sud-est asiatico.

Nell’emisfero occidentale, la pandemia ha complicato gli sforzi di evacuazione durante la stagione delle tempeste atlantiche più attiva mai registrata, con 30 tempeste con nome, 13 dei quali erano uragani.

Anche se gli scienziati non sono sicuri se il cambiamento climatico sta aumentando il numero di uragani, dicono che lo è rendendoli più forti. L’ultimo, l’uragano Iota, è atterrato in Nicaragua lunedì notte come tempesta di categoria 4, meno di due settimane dopo che l’uragano Eta ha colpito quasi lo stesso punto.

#Mentre #mondo #combatte #virus #Croce #Rossa #afferma #che #necessaria #una #risoluzione #simile #sul #cambiamento #climatico

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *