Un leader islamico radicale si fa beffe delle regole del virus dell’Indonesia al suo ritorno dall’esilio.

Visualizzazioni: 17
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 46 Secondo

Un leader islamico radicale è tornato in Indonesia la scorsa settimana dall’esilio autoimposto in Arabia Saudita per diffondere la sua idea di una “rivoluzione morale”. Ma gli esperti sanitari temono che stia facendo di più per diffondere il coronavirus.

Il religioso, Rizieq Shihab, ei suoi sostenitori hanno tenuto incontri dopo il suo arrivo martedì che hanno attirato migliaia di persone, tra cui un’accoglienza caotica all’aeroporto internazionale Soekarno-Hatta di Jakarta che ha intasato le strade aeroportuali e il terminal internazionale.

Gli eventi hanno ignorato i requisiti di distanziamento sociale e i limiti alla dimensione delle riunioni. Hanno anche dimostrato l’influenza del signor Rizieq, il fondatore del Fronte dei difensori islamici, che un tempo era meglio conosciuto per aver fatto irruzione nei bar e rompere le bottiglie di alcolici.

Il signor Rizieq, che afferma di essere un discendente di Maometto, ha mantenuto un ampio seguito nonostante sia fuggito dal paese nel 2017 mentre di fronte a un’accusa di pornografia su messaggi di testo salaci con una donna che non era sua moglie. Da allora l’accusa è stata ritirata.

Il signor Rizieq ha ospitato un matrimonio per sua figlia sabato che ha attirato circa 10.000 ospiti. La task force del governo contro il coronavirus, invece di ordinare l’annullamento del matrimonio, ha donato 20.000 maschere e litri di disinfettante per le mani per l’evento.

Lunedì, due capi di polizia di alto rango sono stati licenziati per la cattiva gestione degli eventi. Il signor Rizieq è stato multato di circa $ 3.500 domenica per aver infranto i regolamenti sul coronavirus al matrimonio, una cifra simbolica per lui e la sua organizzazione.

La polizia ha anche annunciato che avrebbe interrogato il governatore di Jakarta, Anies Baswedan, un alleato del signor Rizieq, sul suo ruolo nel consentire il matrimonio. I due si sono incontrati la scorsa settimana dopo il ritorno del religioso.

“Voglio sottolineare che la sicurezza delle persone è la legge più alta”, ha detto il presidente dell’Indonesia, Joko Widodo, in una dichiarazione rilasciata dopo l’annuncio del licenziamento dei capi. “Durante questa pandemia abbiamo deciso le restrizioni sociali, inclusa la dispersione delle folle”.

Il signor Rizieq, che a quanto pare ha lasciato l’Arabia Saudita perché il governo non ha esteso il suo permesso di soggiorno, ha detto che aveva intenzione di viaggiare in Indonesia per promuovere le sue idee di stretta adesione all’Islam. La possibilità che potesse attirare grandi folle era un’altra preoccupazione per gli esperti di salute.

L’Indonesia, che ha la quarta popolazione mondiale, segnala quasi mezzo milione di casi e oltre 15.000 morti, il peggior record nell’Asia orientale.

Venerdì ha raggiunto un nuovo massimo giornaliero di 5.444 casi.

Ma gli esperti sanitari dicono che i test in Indonesia sono troppo limitati e che mancano molti più casi di virus di quanti ne trovi.

Pandu Riono, un epidemiologo presso l’Università dell’Indonesia, afferma che il totale potrebbe essere da 10 a 20 volte superiore al numero ufficiale, mettendolo da cinque milioni a 10 milioni di casi.

Dicky Budiman, un epidemiologo indonesiano della Griffith University australiana, ha stimato che il totale è almeno tre volte superiore, circa 1,5 milioni di casi.

“Stiamo già sperimentando un’epidemia silenziosa nella comunità”, ha detto il dott. Budiman. “Affronteremo un problema serio quando i più vulnerabili riceveranno questo virus”.

#leader #islamico #radicale #beffe #delle #regole #del #virus #dellIndonesia #suo #ritorno #dallesilio

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *