Una bugia e una pizzeria: perché i funzionari australiani hanno invertito un blocco

Visualizzazioni: 20
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 13 Secondo

È stata la menzogna che ha lanciato un blocco – e dipendeva da una pizza.

Dopo che dozzine di casi di coronavirus sono emersi questa settimana nello stato dell’Australia Meridionale, il governo ha rapidamente represso, emettendo onerosi ordini di soggiorno. Le maschere erano obbligatorie. Ristoranti, bar, pub e negozi al dettaglio sono stati chiusi, insieme alle scuole.

Ma i funzionari hanno improvvisamente invertito la rotta due giorni dopo, affermando venerdì che l’individuo infetto aveva “deliberatamente ingannato” un team di ricerca dei contatti nella città di Adelaide. Tutto si riduceva al suo rapporto con una pizzeria.

Si è scoperto che la persona al Woodville Pizza Bar non era un cliente, come aveva detto ai traccianti dei contatti, ma un dipendente part-time e uno stretto contatto di un altro paziente di coronavirus che lavorava anche al ristorante. Ciò era importante perché i funzionari sanitari inizialmente temevano che l’uomo appena infettato avesse contratto il virus solo da una breve esposizione, il che indicava un ceppo virulento.

Il massimo funzionario del South Australia, Steven Marshall, ha detto ai giornalisti venerdì che, date le nuove informazioni, il blocco dello stato sarebbe terminato tre giorni prima del previsto.

“Dire che sono arrabbiato per le azioni di questa persona è un eufemismo”, ha detto.

Scuole, ristoranti e palestre dovevano riaprire, ma le nuove regole includono un tetto massimo di 50 persone ai funerali e il divieto di ballare ai matrimoni. Il signor Marshall ha detto che i rilevatori di contatti avevano ancora bisogno di “respiro” per continuare a indagare sulla fonte dell’epidemia, la più grave dello stato da mesi.

Il tracciamento dei contatti è considerato uno strumento fondamentale per aiutare a limitare la diffusione del coronavirus. Luoghi come la Corea del Sud, Singapore e Taiwan lo hanno tecnologia e dati combinati con il lavoro investigativo vecchio stile per rintracciare persone che potrebbero aver incrociato una persona infetta.

Tuttavia, tali sistemi possono andare in pezzi quando i governi non riescono a sostenere i cittadini attraverso onerose quarantene. O, in questo caso, quando la persona tracciata inganna i traccianti.

Dopo che una donna è risultata positiva al coronavirus in un ospedale di Adelaide, i funzionari sanitari hanno scoperto che l’aveva contratto da sua figlia, una donna delle pulizie in un hotel del centro utilizzata per mettere in quarantena gli australiani che tornavano dall’estero, l’emittente nazionale del paese. segnalato di venerdì. Il cluster in seguito si espanse per includere due guardie di sicurezza dell’hotel, una delle quali lavorava part-time al Woodville Pizza Bar.

L’uomo che ha mentito per contattare i rilevatori ha detto di aver comprato cibo da asporto dal ristorante, rifiutandosi di dire loro che era uno stretto contatto di una delle guardie infette.

“Questo cambia chiaramente le circostanze, e se questa persona fosse stata sincera con le squadre di rintracciamento dei contatti, non saremmo entrati in un blocco di sei giorni”, ha detto ai giornalisti Grant Stevens, commissario di polizia del South Australia.

Un’altra conseguenza, ha detto, era che la polizia si stava affrettando a identificare e localizzare i soci dell’uomo, un processo che non sarebbe stato necessario se avesse detto la verità in primo luogo.

L’uomo non dovrà affrontare una sanzione perché non esiste un meccanismo legale per perseguirlo, ha detto il signor Stevens. La polizia non ha detto nulla sul motivo per cui avrebbe potuto scegliere di fuorviare i rilevatori di contatti.

Il vicino stato di Victoria ha dichiarato venerdì di aver deciso di chiudere il confine con il Sud Australia, ma che la regola non si applicherà ai camionisti o ai soccorritori.

Melbourne, la capitale di Victoria, ha revocato uno dei blocchi più lunghi al mondo a fine ottobre. La città ha dichiarato venerdì che prevede di consentire la ripresa dei voli internazionali in entrata a partire dal 7 dicembre, con un limite iniziale di 160 passeggeri al giorno.

#Una #bugia #una #pizzeria #perché #funzionari #australiani #hanno #invertito #blocco

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *