Una severa punizione attende i manifestanti in Russia, afferma il Cremlino

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 4 Secondo

MOSCA – Un giorno dopo le proteste hanno dilagato in tutta la Russia A sostegno di un leader dell’opposizione incarcerato, le autorità hanno detto lunedì che alcuni partecipanti devono affrontare dure punizioni, inclusi incantesimi nel sistema carcerario un tempo noto come gulag.

Il portavoce del Cremlino, Dmitri S. Peskov, ha detto ai giornalisti in una teleconferenza lunedì che il proteste incluso “un gran numero di teppisti e provocatori” e che “la legge dovrebbe essere applicata con la massima severità”.

Per il secondo fine settimana consecutivo, decine di migliaia di persone si sono recate domenica nelle città di tutta la Russia per chiedere il rilascio di Aleksei A. Navalny, il leader dell’opposizione che è stato incarcerato per 30 giorni il mese scorso dopo ritorno in Russia.

Il signor Navalny è tornato dopo il suo ricovero in un ospedale tedesco dopo essere stato avvelenato ad agosto con un agente nervino di livello militare, un attacco che è stato confermato da laboratori tedeschi, francesi e svedesi.

Il signor Navalny, 44 anni, un attivista anticorruzione che è stato attivo nelle proteste di strada in Russia per un decennio, ha detto che il Cremlino è stato dietro l’avvelenamento e voleva ucciderlo. Il governo russo lo ha negato e ha messo in dubbio se il signor Navalny fosse davvero avvelenato.

La dose quasi fatale di veleno, un sofisticato agente nervino chiamato Novichok sviluppato dall’Unione Sovietica, è stata collocata nelle mutande del signor Navalny, secondo il leader dell’opposizione, citando quello che ha detto essere un confessione registrata da un agente russo.

Il signor Navalny è tornato in Russia anche se le autorità hanno minacciato di arrestarlo all’arrivo. È stato quindi arrestato per aver violato la libertà sulla parola su una condanna per reato finanziario del 2014 che la Corte europea dei diritti dell’uomo aveva ritenuto fosse politicamente motivata.

Il signor Navalny ha detto che il crimine finanziario è stato inventato dalle autorità russe e ha definito assurde le accuse di violazione della libertà condizionale, dal momento che non poteva riferire due volte al mese a un ufficiale per la libertà vigilata perché era stato evacuato dalla Russia alla Germania mentre era in coma dopo l’attacco dell’agente nervino. .

È stato incarcerato in custodia cautelare per 30 giorni. Martedì un tribunale valuterà l’imposizione di una pena detentiva che potrebbe metterlo dietro le sbarre per diversi anni.

L’ufficio del procuratore generale ha emesso un dichiarazione Lunedì dicendo che il signor Navalny dovrebbe essere incarcerato per le violazioni della libertà condizionale, quasi assicurando quel risultato mentre i giudici sfidano le richieste dei pubblici ministeri solo in un piccolo numero di casi nel sistema di giustizia penale russo.

Politicamente, la detenzione indicherebbe un cambiamento nel governo del presidente Vladimir V. Putin nella gestione del signor Navalny. Per anni è stato spesso incarcerato per brevi periodi con accuse minori, ma mai imprigionato.

L’incarcerazione di dissidenti politici cessò per lo più nell’immediato periodo post-sovietico, ma fu ripresa, su scala ridotta e mirata, sotto Putin.

Dopo le proteste di strada a Mosca nel 2012, i tribunali hanno condannato alcune dozzine delle decine di migliaia di manifestanti a lunghe pene detentive, apparentemente come un esempio per altri.

Queste poche dozzine di casi sono state ben pubblicizzate per evidenziare l’illegalità di azioni di strada non autorizzate, ma l’approccio ha evitato di far arrabbiare un gran numero di famiglie di Mosca in un attacco giudiziario, rischiando una spirale di repressione e protesta. Al contrario, nella vicina Bielorussia, la polizia ha arrestato almeno centinaia di manifestanti antigovernativi dalla scorsa estate per lunghi periodi.

Durante la protesta di domenica, la polizia ha arrestato 5.300 persone in tutta la Russia, anche se molte sono state rilasciate nel corso della giornata.

Non è chiaro quanto sia ampia la rete che i procuratori getteranno ora. Sono state segnalate diverse dozzine di casi che potrebbero portare a incantesimi in prigione.

Il signor Peskov, il portavoce del Cremlino, ha fatto riferimento a persone che si sono comportate “in modo più o meno aggressivo” nei confronti della polizia quando hanno chiesto pene severe. “Non ci possono essere conversazioni con teppisti e provocatori”, ha detto.

I sostenitori del signor Navalny hanno detto in a dichiarazione pubblicato online lunedì che si aspettavano che i pubblici ministeri giustificassero le accuse di sommossa contro i manifestanti sulla base di due incidenti: un’auto della polizia che ha preso fuoco e un uomo in una strada altrimenti vuota che è entrato in una fila di poliziotti che brandivano un club. La polizia ha rilasciato una dichiarazione affermando che stava indagando sull’incendio dell’auto come vandalismo.

La dichiarazione ha rilevato che i due episodi sono stati evidenziati sui media filogovernativi e potrebbero diventare una giustificazione per perseguire i partecipanti alle marce con accuse di rivolta, che comportano lunghe condanne. Le pene brevi in ​​Russia sono scontate in prigione, mentre la maggior parte dei periodi più lunghi sono scontati nelle colonie penali.

#Una #severa #punizione #attende #manifestanti #Russia #afferma #Cremlino

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *