Virus Words vs. Actions – The New York Times

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 25 Secondo

Vuoi ricevere The Morning via e-mail? Ecco la registrazione.

Il flusso e il riflusso dei casi di coronavirus nell’ultimo anno hanno oscurato una verità di base: Sappiamo molto su come controllare la diffusione del virus.

Indossare la maschera fa una grande differenza. Così come limitare le riunioni al chiuso. In particolare, la chiusura di ristoranti, bar e palestre al coperto ha ridotto la diffusione del virus in molti luoghi.

L’Arizona è un ottimo esempio. Il suo governatore, Doug Ducey, un repubblicano, ha resistito per settimane a un’azione aggressiva. Ma alla fine di giugno, lui chiuso bar, cinema e palestre e raduni vietati di 50 o più persone. Le regole hanno cominciato a revocare ad agosto.

Guarda cosa è successo al virus in Arizona mentre le restrizioni erano in vigore e cosa è successo dopo:

Altri stati hanno avuto un successo simile durante l’estate e vale la pena sottolineare che le loro azioni spesso sono state ben al di sotto del blocco totale. “Sfortunatamente, il dibattito a volte si è concentrato su questi due campi: o sei pro-lockdown o ‘lascia che ti strappi'”, mi ha detto Jennifer Nuzzo, epidemiologa della Johns Hopkins University. “C’è molto spazio tra queste due posizioni.”

Nell’ultima settimana, con il numero di infezioni negli Stati Uniti stabilendo record ogni giorno, molti stati hanno iniziato annunciando nuove restrizioni. Ma spesso non sono all’altezza di ciò che gli esperti dicono sia necessario. Due esempi sono l’Ohio e il New Jersey, che consentono ai bar di servire al chiuso fino alle 22:00. Un altro esempio è l’Arizona, dove ristoranti e molti bar rimangono aperti anche se i casi sono aumentati di nuovo.

(Una nuova analisi del Times rileva che l’aumento è peggiore negli stati in cui i leader non sono riusciti a mantenere forti sforzi di contenimento.)

Le raccomandazioni più comuni che ho sentito dagli epidemiologi sono: I leader politici dovrebbero fornire messaggi chiari e ripetuti in merito l’efficacia delle maschere. Alcune attività al chiuso possono continuare fintanto che le persone sono mascherate. Ma la diffusione è ora abbastanza rapida in molti stati che bar, ristoranti e altri spazi interni angusti dovrebbero chiudere temporaneamente.

Gli esperti dicono anche che i leader politici dovrebbero scoraggiare le persone dal partecipare ai grandi raduni del Ringraziamento. Altrimenti, dice Donald G. McNeil Jr., un giornalista scientifico del Times, “faremo come nazione quello che ha fatto il Sud nel fine settimana del Memorial Day: aprirci ai viaggi per le vacanze in un momento in cui i casi sono in aumento”.

Il mio collega Jonathan Wolfe ha intervistato ieri il dottor Anthony Fauci, il principale specialista in malattie infettive del paese, e ha previsto che i prossimi mesi sarebbero stati brutali. “Dicembre, gennaio e inizio febbraio saranno mesi terribilmente dolorosi”, ha detto Fauci.

Jonathan ha risposto che Fauci sembrava non avere molta fiducia nel fatto che gli americani avrebbero cambiato il loro comportamento nei prossimi mesi. “Non credo che lo siano”, disse Fauci. “Non credo che lo siano.”

Per saperne di più dalla loro conversazione, cerca la prossima edizione del Coronavirus Briefing. Puoi iscriverti qui.

Una lettura mattutina: A dragaggio tanto atteso del canale Gowanus di Brooklyn, uno dei corsi d’acqua più sporchi d’America, è iniziato. Dalla metà del 1800, gli inquinanti industriali, le acque reflue grezze e il deflusso delle tempeste si sono accumulati, causando un sedimento nocivo noto come “maionese nera”.

Dall’opinione: Kara Swisher intervista l’economista di Harvard Raj Chetty su l’ultimo episodio di “Sway”. E Jamelle Bouie, Gail Collins e Nicholas Kristof hanno colonne.

Vite vissute: Per decenni Frederick Weston ha fatto arte nelle squallide camere degli hotel di Manhattan, creando collage che esploravano il corpo maschile e la stranezza nera e sperando in una pausa. È arrivato in ritardo, pochi anni prima della sua morte il mese scorso. Aveva 73 anni.

Hollywood ha una lunga storia di utilizzo della disabilità o della deturpazione come scorciatoia per ritrarre il male. Pensa ai cattivi di Darth Vader, Freddy Krueger, Lord Voldemort o Bond. L’ultimo esempio – che ha suscitato critiche – è il personaggio di Grand High Witch, interpretato da Anne Hathaway, nel film “The Witches”, un adattamento di un libro per bambini del 1983 di Roald Dahl.

Nel libro, Dahl descrive le mani delle streghe come aventi caratteristiche animali, con “artigli sottili e sinuosi, come un gatto”. Le illustrazioni di copertina nel corso degli anni hanno mostrato gli artigli con cinque dita. Nel film, il personaggio di Hathaway ha mani a tre dita che assomigliano alle mani di persone con il disturbo congenito dell’ectrodattilia, noto anche come mani divise.

In risposta al film, le persone con ectrodattilia e altre condizioni hanno pubblicato foto delle loro mani e braccia sui social media con l’hashtag #NotAWitch. “Non si tratta di essere eccessivamente sensibili, un” fiocco di neve “o di essere troppo politicamente corretti”, Briony May Williams, semifinalista di “Great British Baking Show”, ha scritto su Instagram. “Si tratta di mostrare la differenza degli arti come brutta, spaventosa, grossolana e malvagia.”

“Le persone disabili interpretano i cattivi o gli angeli felici dei fiocchi di neve”, Maysoon Zayid, un comico e scrittore affetto da paralisi cerebrale ha detto a Cara Buckley del Times.

Sia la Warner Bros., lo studio del film, sia la Hathaway si sono scusati per il ritratto, dicendo che non avevano stabilito il collegamento tra le mani del personaggio e le differenze degli arti. Questa spiegazione evidenzia un altro problema: la scarsità di persone disabili che lavorano a Hollywood, sia sullo schermo che fuori.

Rendere un’insalata di cavolo nero e cavoletti di Bruxelles, cosparsa di pera e cubetti di halloumi fritti.

Provare microgreens in crescita sul bancone della cucina per alcuni fissaggi per insalata altamente nutrienti e superveloci.

I profumi e la memoria sono inestricabilmente legati insieme: l’odore della casa di una nonna, un animale domestico d’infanzia o una particolare miscela di tè mattutino. Il Times ha chiesto ai lettori di inviarci i loro ricordi olfattivi. Leggeteli in un “museo degli odori”.

Ecco alcuni consigli calmanti di TikTok di meno di un minuto.

I padroni di casa a tarda notte scherzato I piani del Ringraziamento di Trump.

Il pangram dello Spelling Bee di ieri era nobildonne. Il puzzle di oggi è sopra, o puoi farlo tu giocare online se hai un abbonamento ai giochi.



#Virus #Words #Actions #York #Times

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *