Come affrontare l’ansia sociale indotta dalla quarantena

Visualizzazioni: 25
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 26 Secondo

E se ti capita di essere solo e ti senti autocritico, occuparti degli altri nella tua comunità estesa è più bello che sederti con auto-esame. Molti dei miei clienti hanno notato che mobilitare le cause li ha aiutati a riconnettersi con ciò che conta davvero, invece di perdersi in deviazioni autocritiche.

Un’altra strategia che suggerisco quando i miei clienti si sentono socialmente ansiosi è quella di prendere un momento per elencare le loro preoccupazioni sociali, come condividere una visione impopolare in una riunione di gruppo, quindi impostare situazioni per praticare strategicamente l’agire in modo più coraggioso. Se hai la sensazione che Covid-19 ti stia allontanando da queste opportunità, fai un brainstorming sui modi per espandere il tuo repertorio di comportamenti.

Se hai sempre voluto lavorare sul parlare in pubblico, Toastmasters, un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata a migliorare la fiducia nella comunicazione, ospita riunioni virtuali. Se provi una frustrazione di lunga data con qualcuno che ti sta a cuore e temi di parlare onestamente, forse con la distanza fisica e un maggiore apprezzamento per quanto siano deboli le nostre vite, puoi allungare la mano per rafforzare la relazione. Per i miei clienti che sentono così tanto del loro valore legato al loro aspetto, ho incoraggiato a saltare complicate routine di trucco e ad accendere le loro webcam per le riunioni. E se generalmente bevi per alleviare le situazioni sociali, pianifica un happy hour virtuale e salta l’alcol per notare che è possibile condividere senza bisogno di assistenza chimica.

Piuttosto che ripetere i tuoi errori sociali, adotta la mentalità secondo cui essere umano (e imperfetto) è accattivante.

“Quando mi esibisco, non vedo l’ora di fallire”, ha detto il signor Montoya. “La gente brama l’umanità.”

Insegna ai suoi studenti a celebrare i momenti di ciò che chiama “oopsie”, come opportunità di autoconsapevolezza.

La signora Hendriksen ha aggiunto: “Le conversazioni reali sono piene di parole di riempimento, pause imbarazzanti e deragliamenti”.

Molti dei miei clienti che temono di sbagliare trovano utile avere un menu specifico di attività compassionevoli, come creare un elenco di podcast da riprodurre, per le volte che si sentono tentati di picchiarsi all’infinito. Se lotti con il perfezionismo, è anche utile esercitarti in scivolate sicure, come inviare un messaggio in meno di due minuti, fare una richiesta ragionevole o chiedere a un vicino di cui non ricordi il nome di ricordarti il ​​suo nome.

Ricorda che le persone che vogliamo nella nostra vita ci accetteranno se accetteremo noi stessi. E se mai c’è stato un tempo per nutrire le connessioni, è adesso.

Jenny Taitz è un assistente professore clinico in psichiatria presso l’Università della California, Los Angeles, e autore di “Come essere single e felici: strategie basate sulla scienza per mantenere la tua sanità mentale mentre cerchi un’anima gemella” e “Fine del consumo emotivo. “

#affrontare #lansia #sociale #indotta #dalla #quarantena

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *