Cosa devi sapere oggi

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 3 Secondo

Vuoi ricevere The Morning via e-mail? Ecco la registrazione.

Ogni novembre, dopo che gli editori di The Times Book Review hanno concluso i loro grandi numeri di fine anno, rivolgono immediatamente la loro attenzione all’anno successivo. Iniziano creando una lista di lavoro di candidati per la prossima iterazione di 100 Notable Books, quella che sarà pubblicata quasi un anno dopo.

Nei mesi successivi, gli editori si aggiungono alla lista, pur sapendo che alla fine dovranno condurre una spietata vagliatura, fino a 50 libri di narrativa e 50 di saggistica, che abbracciano ogni genere. “È un sacco di triage e scelte difficili”, mi ha detto Pamela Paul, l’editore di Book Review.

Oggi, Pamela e le sue colleghe rilasciato il nuovo elenco. Il Times ne ha pubblicato una versione ogni anno dal 1968 (anche se i primi erano più lunghi) e gli editori dicono che spesso ha un grande effetto sulle vendite di un libro.

[The Best Books of 2020: View our full list.]

La lista del 2020 ha qualità sia senza tempo che attuali. Include romanzi che sarebbero potuti uscire un anno qualsiasi – di Hilary Mantel, JM Coetzee, Megha Majumdar e Lily King – oltre a saggi su Winston Churchill, Newt Gingrich, Malcolm X e Ronald Reagan.

Ma l’elenco riflette anche i temi più importanti del 2020. “La giustizia razziale, l’immigrazione, le divisioni ideologiche, l’identità e le disparità economiche permeano sia il lato di finzione che quello di saggistica della nostra lista”, dice Pamela. Ci sono libri sulla violenza contro i neri americani, sull’alienazione politica della classe operaia bianca americana e altro ancora.

Ci sono persino alcuni libri che riescono a parlare alla vita durante la pandemia, anche se indirettamente, come il libro di memorie di Ben Ehrenreich sulla vita solitaria nel West americano. (E, sì, anche un libro di memorie più famoso, quello di Barack Obama, ha fatto la lista.)

Offro la mia approvazione da 100: “Morti disperate e il futuro del capitalismo”, di Anne Case e Angus Deaton. Copre probabilmente il singolo sviluppo più allarmante nella vita americana, uno che aiuta a spiegare la frustrazione che pulsa nel paese: in molte comunità, le persone sono non vivevano quanto i loro genitori.

Il prossimo dalla Book Review è l’uscita dei 10 migliori libri dell’anno, lunedì mattina. I lettori potranno vedere l’annuncio qui.

  • In un passo straordinario, il presidente Trump ha convocato i membri repubblicani della legislatura del Michigan alla Casa Bianca, come parte di i suoi sforzi per sovvertire il processo del collegio elettorale. Il presidente eletto Joe Biden guida il Michigan con 158.000 voti.

  • I leader aziendali a Washington, DC e Wall Street chiedono sempre più spesso all’amministrazione Trump per iniziare la transizione.

  • Altri repubblicani si sono opposti a Trump. Fred Upton, un repubblicano anziano del Michigan alla Camera, ha detto che Trump dovrebbe ammettere. Joni Ernst, un repubblicano dell’Iowa, ha chiamato accuse di brogli da parte degli avvocati di Trump “Offensivo” e “assolutamente oltraggioso”.

  • E il senatore Mitt Romney dello Utah, repubblicano, ha criticato i tentativi del presidente per ribaltare la sua sconfitta. “È difficile immaginare un’azione peggiore e più antidemocratica da parte di un presidente americano in carica”, ha detto Romney.

  • Il senatore David Perdue, repubblicano alle prese con un ballottaggio di gennaio in Georgia, fatto profitti dalle scorte di un appaltatore della Marina durante la supervisione della flotta navale.

  • Negli Stati Uniti, il tasso di decessi correlati all’HIV è diminuito di circa la metà dal 2010 al 2018. Il calo è stato minore per le donne e per i neri americani.

  • Procuratori statunitensi hanno rifiutato di perseguire casi contro migliaia di persone che sono state arrestate durante le manifestazioni contro la brutalità della polizia quest’estate, concludendo che i manifestanti stavano esercitando i loro diritti civili.

  • Due indagini di frode – una penale e una civile – su Trump e le sue imprese stanno ora esaminando le detrazioni fiscali ha assunto onorari di consulenza, alcuni dei quali sembrano essere andati a Ivanka Trump.

  • Il Dipartimento di Giustizia ha effettuato la prima di tre esecuzioni programmato prima della fine del mandato di Trump. Biden ha detto che lavorerà per porre fine all’uso della pena capitale da parte del governo federale.

  • General Motors ha detto che avrebbe spinto a introdurre più veicoli elettrici entro il 2025. L’azienda spera di sfidare Tesla, il leader attuale nei veicoli elettrici.

  • Klay Thompson dei Golden State Warriors, uno dei migliori tiratori della NBA, mancherà la prossima stagione dopo essersi strappato il tendine d’Achille in un gioco di ripresa.

  • E un’altra notizia da libro: Douglas Stuart ha vinto il Booker Prize per il suo romanzo autobiografico “Shuggie Bain”, la storia del figlio gay solitario di una madre alcolizzata nella Scozia degli anni ’80.

Amore moderno: L’amore di una nonna riempie il vuoto per una scrittrice che ha perso la madre in giovane età.

Notevoli uccelli: Un operaio che sta allestendo l’albero di Natale nel Rockefeller Center di Manhattan questa settimana è venuto negli occhi con un minuscolo gufo che era rimasto accidentalmente bloccato tra i rami. (Il gufo era assetato e affamato, ma per lo più bene.) E ora che siamo in tema: Central Park ha un file nuovo uccello delle celebrità.

Vite vissute: Drew S. Days III è stato procuratore generale degli Stati Uniti e il primo nero americano a guidare la divisione per i diritti civili del Dipartimento di giustizia. Nato nel Sud segregato, ha frequentato e poi insegnato alla Yale Law School. Morì a 79 anni.


Gli iscritti rendono possibile la nostra segnalazione, così possiamo aiutarti a dare un senso al momento. Se non sei un abbonato, per favore considera di diventarlo oggi.

A una cena del Ringraziamento, più di dieci anni fa, il direttore di una rivista di nome Larry Smith ha suggerito ai suoi parenti seduti a tavola: ognuno dovrebbe raccontare una storia su se stesso – in sole sei parole. È stata una svolta in una sfida che qualcuno apparentemente una volta ha lanciato a Ernest Hemingway.

La famiglia di Smith si è divertita con l’idea quella sera, e presto l’ha trasformata in una serie di libri di successo. Più recentemente, ha scritto un Times Op-Ed, “La pandemia nelle memorie di sei parole”.

Per il Ringraziamento, voglio invitare i lettori di questa newsletter a fare una versione dell’esercizio. In questo anno di pandemia, politica e molto altro, dicci cosa ti rende grato, in sole sei parole.

“Il vincolo della forma di sei parole ci aiuta ad arrivare all’essenza di ciò che conta di più”, dice Smith, “e non riesco a pensare a un momento in cui esprimere gratitudine sia stato più importante”.

Ti consiglia di andare nella direzione che desideri: “Puoi esprimere gratitudine per le grandi cose della vita (‘Senza cancro dopo cinque lunghi anni’) o per le gioie stagionali (‘La figlia ora fa la festa del Ringraziamento in famiglia’). Forse sei grato per gli eventi attuali (“I vaccini stanno arrivando – grazie, scienza!”) O per un viaggio di vita più lungo (“Abbiamo vissuto tutti durante l’adolescenza del figlio”). “

Puoi lasciare le tue sei parole quie stamperemo una selezione in una newsletter la prossima settimana.

#Cosa #devi #sapere #oggi

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *