David Byrne su Trasformare l ‘”utopia americana” in un libro

Visualizzazioni: 15
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 8 Secondo

Sottoscrivi: iTunes | Google Play Music | Come ascoltare

David Byrne è ancora il più famoso come musicista, ma i suoi talenti multififenati sono in mostra nel suo ultimo libro, “American Utopia”, che è una collaborazione con l’artista Maira Kalman, un adattamento del suo spettacolo di Broadway con lo stesso nome, adattato a sua volta da un tour musicale. Nel podcast di questa settimana, parla, tra gli altri argomenti, del perché e quando sceglie di scrivere in prosa invece di canzoni.

“L’appello deriva dal cercare di essere onesti riguardo al mezzo che stai usando per trasmettere qualcosa, o dal cercare di usare il mezzo migliore per trasmettere qualunque cosa tu stia cercando di comunicare”, dice Byrne. “In alcuni casi, potrebbe essere un saggio; l’idea che vuoi trasmettere – che si tratti di politica o di politica – potrebbe essere meglio trasmessa in un saggio e potresti pensare: “Non è qualcosa su cui puoi scrivere una canzone”. Potresti provare e le persone hanno fatto cose del genere, ma generalmente non ci riesce. Ma ci sono cose che una canzone può fare che altri medium non possono fare “.

Brittany K.Barnett visita il podcast per discutere del suo nuovo libro, “A Knock at Midnight: A Story of Hope, Justice, and Freedom”. In un mix di memorie e reportage, Barnett, avvocato e sostenitore della riforma della giustizia penale, scrive dei suoi sforzi per aiutare a ottenere clemenza per Sharanda Jones, una donna del Texas che era stata condannata all’ergastolo nel 1999, condannata per aver partecipato a un cospirazione della droga.

“Ho appena iniziato a sentirmi così frustrato, perché ogni strada che ho provato in tribunale, siamo stati bloccati”, dice Barnett. “E ho iniziato a pensare che, come avvocati, siamo costretti a lavorare entro i limiti delle leggi che sono appena al di fuori dei limiti della coscienza morale. Non c’era assolutamente modo per Sharanda Jones di ricevere sollievo dalla sua condanna a vita attraverso il tribunale. E così da lì, mi sono imbattuto in quella che sarebbe stata l’unica speranza di libertà di Sharanda Jones, ed è stata la clemenza esecutiva del presidente, e così abbiamo iniziato il viaggio per cercare di implorare il presidente Barack Obama “.

Anche nell’episodio di questa settimana, Alexandra Alter ha notizie dal mondo dell’editoria; e Parul Sehgal e Jennifer Szalai parlano di libri che hanno recensito di recente. Pamela Paul è l’host.

Ecco i libri discussi dai critici del Times questa settimana:

Ci piacerebbe conoscere la tua opinione su questo episodio e sul podcast di Book Review in generale. Puoi inviarli a books@nytimes.com.

#David #Byrne #Trasformare #utopia #americana #libro

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *