Dovremmo essere in grado di utilizzare le app senza timore della sorveglianza del governo

Visualizzazioni: 23
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 7 Secondo

Saluta la nostra editor di On Tech, Hanna Ingber, che ha scelto alcuni preferiti. Alcune delle poesie del martello sono state presentate da scrittori professionisti. Grazie per tutti loro.

Sadjectives

Il cheeseburger freddo dell’amore
crolla sul comodino dell’hotel
accanto alla Flat Diet Coke of Freedom
nel suo Paper Cup of Ennui. Il triste pagliaccio
del destino è appeso al chiodo piegato dell’indifferenza
conficcato nel Muro Viola dell’Oblio
dal martello leggermente piegato dell’incoscienza.
Oh, patatine fritte casalinghe croccanti di nostalgia,
versato sul pavimento,
sparsi sotto il
letto disfatto, il
letto disfatto.

Matt Mason, Omaha, attualmente il Nebraska State Poet

Oh, quanto amo il mio martello
è uno strumento così adorabile.

Potrebbe mancare molto di glamour
ma come strumento è fantastico.

– Alan Payne, Etowah, Tenn.

Martello

Un martello è ciò di cui un uomo ha bisogno,
in un novembre che spruzza senza calore
la luce del sole avanti e indietro entro mezzogiorno,

come Chablis argenteo
gettato tra le foglie;
io amo

l’oscuro segreto del fresco di questa cantina,
i barattoli di chiodi
e occhi a vite in nichel,

il dente di ferro del martello
lì, nel suo pannello di sughero
riposo –

con manico in legno, avvolto
con nastro adesivo
e in attesa di un uso solido.

È tutto ciò che il mio secolo applaude.

Roundheaded: riven: abile;
produttore di rotaie e ghiaia;

ora per strattonare, ora per strappare,
ora, se chiamato, ad uccidere.

William Orem, Emerson College

#Dovremmo #essere #grado #utilizzare #app #senza #timore #della #sorveglianza #del #governo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *