‘Ho dovuto vedere quel gufo’: New Celebrity Bird di Central Park

Visualizzazioni: 9
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 37 Secondo

Era il tardo pomeriggio nel North Woods di Central Park e il sole stava tramontando velocemente. Joshua Kristal, un fotografo con un debole per gli uccelli, stava iniziando a sentirsi abbattuto mentre cercava lungo il torrente, alla ricerca di qualsiasi movimento. Questa era la terza volta che viaggiava per più di un’ora da Brooklyn per vedere l’ultimo uccello delle celebrità di Manhattan: un etereo e maestoso gufo barrato.

Attualmente noto come Barry, il gufo ha intensi occhi neri ed eleganti pouf di piume bianche striate di marrone e grigio. Sembra un perfetto peluche di un negozio di giocattoli di fascia alta. Ma Barry è anche insolito. Sebbene i gufi siano tipicamente notturni, fa regolarmente apparizioni durante il giorno ed è diventato una specie di artista. Praticamente in voga, fissa, si pavoneggia e piomba nel ruscello poco profondo per lavarsi e agitare le piume. Barry girerà la testa di 270 gradi a destra ea sinistra e in alto per controllare il suo acerrimo nemico, il falco. Strappa gli scoiattoli con i suoi artigli e li divora, apparentemente imperturbato dai fan adoranti e dai paparazzi, molti dei quali lo hanno già reso famoso su Instagram.

Sapere tutto questo ha reso il signor Kristal ancora più frustrato di non poter individuare Barry. “Stavo stufando, pensando, cosa c’è di sbagliato in me? Perché tutti vedono l’uccello tranne me? ” Ha detto il signor Kristal. “Ma poi, tutte queste persone mi sono passate accanto e hanno detto: ‘L’hai visto?’ E ho capito, nella mia ricerca per trovare il gufo, non ero l’unico a fallire. E io sono un terribile birder. “

Barry the Barred Owl è stato avvistato per la prima volta il 9 ottobre da un gruppo di appassionati di birdwatching tra cui Robert DeCandido, un newyorkese che ha condotto passeggiate con uccelli a Central Park per circa 32 anni ed è noto come Birding Bob. Il gufo è stato una sensazione durante la notte, non così appariscente come il Anatra mandarina due anni fa ma non per questo meno magnetico. Gli appassionati di birdwatching accorrono da ogni parte al Loch, un torrente vicino alla 103esima strada e Central Park West, per avere la possibilità di vedere Barry.

I gufi sono più comuni in città di quanto le persone credano e sono stati avvistati in ogni distretto, ha detto il signor DeCandido. A Central Park, tuttavia, di solito vengono avvistati solo uno o due gufi in un anno, ha aggiunto, e si ritiene che Barry sia l’unico a Central Park al momento.

Barry molto probabilmente è volato da nord per una temperatura più calda in cui cacciare, ma “solo Dio lo sa”, ha detto il signor DeCandido. Barry non nidifica, poiché i gufi non sono stati trovati a nidificare a Central Park. Sta appollaiandosi e ingrassando.

Poiché gli avvisi di uccelli sui social media sono diventati popolari, ci sono uccelli più unici e rari segnalati in città, come un recente avvistamento di una ferrovia della Virginia a Central Park, ha detto il signor DeCandido. “Prima, se vedessi qualcosa di raro, a chi lo diresti?” Ha detto il signor DeCandido. “Ora ci sono E-Bird e Manhattan Bird Alert, dove gli avvistamenti di uccelli vengono segnalati quasi immediatamente.”

Ma ci sono disaccordi tra gli appassionati di birdwatching su quanto sia salutare per gli umani inseguire Barry, alcuni usano falsi richiami di uccelli per attirarlo, circondandolo (a una distanza rispettosa) e brandendo le telecamere del cellulare per catturare l’immagine perfetta di una creatura che in genere non gli piace essere disturbato.

Il signor Kristal ha saputo del gufo da Manhattan Bird Alert, un feed Twitter che pubblica avvistamenti di uccelli in tutta la città. Quando viene emesso un avviso di Barry, decine di persone si presentano e velocemente. Qui sta il problema, ha detto Dennis Hrehowsik, presidente del Brooklyn Bird Club, con sede vicino a Prospect Park. I gufi sono troppo sensibili per essere accalcati, ha detto.

“Non vado a vedere un gufo da anni”, ha detto il signor Hrehowsik. “Se ne sento parlare, non ci andrò. Non ha bisogno dello stress aggiuntivo “, ha continuato. “I gufi sono speciali. Sembrano diversi, si comportano in modo diverso, sembrano magici “. Naturalmente, questo è il motivo per cui gli umani sono attratti da loro. Per quanto riguarda l’interesse nel fotografare Barry, il signor Hrehowsik ha detto di essere preoccupato che il gufo, scosso dall’attività, “se ne andrà e proverà a migrare prima che abbia abbastanza sostentamento”.

Il birdwatching in città è diventato più popolare durante l’epidemia di coronavirus, ha detto il signor Hrehowsik, che ha guidato centinaia di bird tour. La ricerca tranquilla e meditativa di uccelli speciali – più di 200 specie di cui vivono e migrano attraverso New York City – può essere rilassante. Ed è un’attività all’aria aperta, un dettaglio chiave quando si tratta di attività pandemiche sicure.

Lo scorso fine settimana, Wendy Iraheta, di Harlem, ha aspettato pazientemente con la sua macchina fotografica per oltre un’ora per vedere Barry; i suoi amici avevano aspettato per ore in più. Ha detto che la sua ricerca per vederlo è diventata “un’ossessione”. La signora Iraheta, nello sviluppo aziendale e nel marketing, ha detto che viene spesso a trovarla. Aveva pubblicato un video del gufo che si pavoneggiava e ne era davvero orgogliosa.

“Ti scioglie il cuore”, ha detto. “È praticamente una delle cose più carine che abbia mai visto.”

Janet Lee, una scrittrice di Harlem, si aggirava nelle vicinanze, allungando il collo per guardare tra gli alberi. Ha detto che desiderava un altro sguardo. “Quegli occhi!” Ha detto la signora Lee.

Incontrare accidentalmente un gufo è una grande emozione, la maggior parte degli amanti degli uccelli sarebbe d’accordo. Ma pubblicizzare il luogo, ha affermato il signor Hrehowsik del Brooklyn Bird Club, “è una violazione diretta” del codice etico dell’American Bird Association.

David Barrett, che gestisce Manhattan Bird Alert, ha detto che non pensa che l’osservazione del gufo lo sottolinei. Ha difeso la sua pratica di avvisare le persone.

“Questa è l’era dell’informazione. Le persone possono riferire ciò che vedono “, ha detto Barrett. “Non ci sono gufi tutti i giorni a Manhattan. Nel mezzo di una città come questa, ci ricorda che c’è mistero e bellezza nella natura, e dobbiamo andare a vederlo “.

Il signor DeCandido ha detto che il Brooklyn Bird Club è meraviglioso nel lavoro che fa, ma custodisce gelosamente la posizione degli uccelli. “Sono come la mafia”, ha detto. “Mantengono le cose davvero segrete.”

Altri birders, nel frattempo, hanno contestato le tecniche del signor DeCandido per attirare Barry allo scoperto utilizzando registrazioni di grida di gufo.

Il signor DeCandido ha detto che sta semplicemente avvicinando uomini e uccelli. “Più persone vedono questo, più gli piaceranno i gufi e meno vorranno piste di pattinaggio sul ghiaccio e cose che riducono ciò di cui i gufi hanno bisogno, che sono i boschi.”

Il signor Kristal, il fotografo, non era a conoscenza della tesa opposizione; voleva solo vedere Barry. Quindi, dopo il suo terzo tentativo da solo fallito, ha pagato $ 10 per andare a fare una passeggiata con il gufo con il signor DeCandido.

Quello ha funzionato. Dopo 45 minuti, Barry è entrato in picchiata ed è atterrato su un ramo.

“E ‘stato esilarante”, ha detto Kristal. “Mi sentivo come se stessi barando, perché volevo trovarlo da solo. Ma ho dovuto vedere quel gufo. “

Anche se alcuni birders pensano che Barry sia una femmina, il signor DeCandido è convinto che Barry sia un ragazzo che risponde alla chiamata del gufo perché sta cercando una ragazza. “Anche i gufi devono incontrare persone”, ha detto il signor DeCandido.

Non è noto se Barry, che è stato visto l’ultima volta il 17 novembre, rimarrà. Se non trova un compagno, potrebbe decidere di rimanere comunque l’inverno, ha detto il signor DeCandido, poiché il cibo – certamente ratti e scoiattoli – è abbondante.

Oppure potrebbe dirigersi verso la periferia, ha continuato. “Potrebbe decidere: ‘Questo non è il posto giusto per incontrare donne, mi trasferisco a Jersey City'”.



#dovuto #vedere #quel #gufo #Celebrity #Bird #Central #Park

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *