“I Am Shaken”: un’ondata di violenti attacchi alla metropolitana innervosisce i motociclisti

Visualizzazioni: 22
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 1 Secondo

Erano le 2 del pomeriggio di martedì, quello che normalmente sarebbe stato un giorno feriale intenso con l’avvicinarsi del Ringraziamento. Alex Weisman, attore teatrale e televisivo, è sceso da un treno in una stazione della metropolitana nell’Upper West Side di Manhattan ed è stato preso a pugni due volte in faccia da un uomo che poi è fuggito.

L’assalto ha ferito il cranio del signor Weisman in due punti e ha lacerato una delle sue retine.

“Non c’era nient’altro che avrei potuto fare per proteggermi”, ha detto venerdì il signor Weisman, 33 anni. “Sono scosso da questo.”

Il giorno dopo che il signor Weisman è stato aggredito, un uomo è stato spinto sui binari alla stazione di Bryant Park dopo aver litigato con un altro uomo che la polizia crede fosse un mendicante. Giovedì, a la donna è stata spinta giù dalla piattaforma alla stazione di Union Square da un uomo emotivamente disturbato che sembrava essere un senzatetto. Si è sdraiata tra i binari ed ha evitato gravi ferite mentre un treno le è passato sopra.

I tre attacchi facevano parte di una tendenza preoccupante: dopo che la criminalità complessiva nella metropolitana è diminuita in modo significativo durante il blocco cittadino di questa primavera, i crimini violenti hanno iniziato ad aumentare. Finora quest’anno, gli episodi di aggressione criminale, stupro, omicidio e rapina nella metropolitana hanno superato il numero di quei crimini commessi nello stesso periodo dell’anno scorso.

Ora, come agenzia di transito finanziariamente malconcia che gestisce il sistema avverte di importanti tagli al servizio e aumenti delle tariffe se non ottiene un aiuto federale sostanziale, l’aumento della criminalità ha suscitato timori tra i motociclisti e complicato gli sforzi dei funzionari per convincere le persone a tornare nella metropolitana.

Negli ultimi mesi, l’agenzia, la Metropolitan Transportation Authority, controllata dal governatore Andrew M. Cuomo, ha criticato il dipartimento di polizia di New York per non aver schierato nel sistema più agenti in divisa.

Ma la recente ondata di attacchi ha anche portato i funzionari dei trasporti a fare pressioni sulla città per fornire maggiore sostegno ai malati di mente che cercano riparo nella metropolitana.

“Questa città ha una crisi di salute mentale in questo momento”, ha detto giovedì Sarah Feinberg, presidente ad interim di New York City Transit, in una conferenza stampa. “Abbiamo persone in questa città che hanno un disperato bisogno di cure per la salute mentale. Non vedo l’ora che questo sindaco o il prossimo sindaco se ne occupino perché abbiamo molta strada da fare “.

La polizia e i funzionari dei trasporti affermano che la metropolitana rimane straordinariamente sicura e che l’ultimo picco di criminalità impallidisce dopo i giorni bui degli anni ’70 e ’80, quando i treni erano schizzati di graffiti e la violenza dilagante era una fonte costante di terrore tra i motociclisti.

Ci sono stati arresti in entrambi gli episodi di spintoni questa settimana, ed entrambi i sospettati sembravano essere senzatetto e malati di mente, ha detto la polizia. Né quegli attacchi né quello che coinvolge il signor Weisman erano collegati, ha detto la polizia.

I video di alcuni attacchi sono circolati sui social media e hanno allarmato i motociclisti, molti dei quali sono già ansiosi di utilizzare i mezzi pubblici durante una pandemia a causa di problemi di salute.

“Penso che in questo momento sia brutto essere laggiù”, ha detto Senance Johnson, 37 anni, indicando il bordo della piattaforma a una fermata della linea L a Brooklyn venerdì, “perché molte persone vengono spinte”.

Un video dell’attacco a Union Square mostra in tempo reale la peggiore paura di molti motociclisti. Qualche istante prima che un treno arrivi alla stazione, un uomo si lancia verso una donna in piedi vicino a lui, facendola volare sui binari. Pochi secondi dopo, il treno in arrivo accelera su di lei mentre un altro ciclista gli tiene la testa e cade a terra incredulo.

La donna, 40 anni, è atterrata in un piccolo spazio tra i binari che le ha impedito di essere colpita dalle ruote del treno, ha detto la polizia. L’uomo che l’ha aggredita, Aditya Vemulapati, 24 anni, si è arreso a un lavoratore dei trasporti ed è stato preso in custodia, hanno detto i funzionari. È stato accusato di tentato omicidio, aggressione e pericolo sconsiderato, ha detto la polizia.

“È stato per grazia di Dio che ha subito solo lievi ferite”, ha detto ai giornalisti Kathleen O’Reilly, capo della polizia di transito. “Lo vediamo aspettare e calcolare quando il treno arriva in stazione, e al momento opportuno l’ha spinta sui binari.”

La polizia ha arrestato un secondo uomo, Justin Pena, nell’incidente di spintoni alla stazione di Bryant Park e lo ha accusato di tentato omicidio e sconsiderato pericolo, hanno detto i funzionari.

Hector Gonzalez, un tecnico della manutenzione di Manhattan che vive in città dal 1983, ha detto di essere preoccupato che i newyorkesi affetti da malattie mentali fossero stati costretti a cercare rifugio in metropolitana.

“Non credo che abbia a che fare con la violenza, la violenza casuale”, ha detto il signor Gonzalez venerdì mentre aspettava un treno alla stazione Jay Street-MetroTech a Brooklyn. “Penso che abbia a che fare con persone di cui non ci si prende cura.”

I funzionari della città affermano di aver fornito più alloggi a chi ne aveva bisogno durante la pandemia, che ha provocato la chiusura notturna della metropolitana per una pulizia profonda. Sono stati aggiunti 1200 posti letto per i senzatetto e altri che tipicamente cercano riparo nel sistema e centinaia di lavoratori esterni sono stati impiegati per offrire servizi.

Finora, quasi 600 persone che vivevano effettivamente nella metropolitana hanno ricevuto un riparo, ha detto Steven Banks, commissario per i servizi sociali della città.

“Chiunque guardi alla situazione direbbe che c’è il minor numero di persone senza casa nella metropolitana rispetto a qualsiasi altro momento da decenni”, ha detto.

L’aumento dei crimini gravi è un netto cambiamento di rotta dalla primavera, quando una chiusura in tutta la città che è stata messa in atto per arginare la diffusione del coronavirus ha prosciugato la metropolitana del 90% dei suoi passeggeri e la criminalità generale nel sistema è precipitata.

I funzionari di polizia hanno attribuito il drop-off a un minor numero di motociclisti che presentavano obiettivi per ladri e altri crimini relativamente minori. Ma il vuoto nelle stazioni potrebbe aver incoraggiato le persone che erano intenzionate a commettere crimini più gravi e che si sentivano più fiduciosi nel farlo con meno testimoni possibili, hanno detto i funzionari di polizia.

“Meno motociclisti possono certamente cedere il passo a certi crimini”, ha detto Edward Delatorre, ex capo della polizia di transito, in un’intervista il mese scorso. “Una stazione sterile o una chiusura potrebbe essere invitante per alcuni crimini.”

L’unico crimine della metropolitana che è diminuito questo è il furto, una tendenza che potrebbe riflettere la riduzione del numero di passeggeri. Nel 2019, la polizia ha registrato quasi 1.400 incidenti di grande furto, mentre solo 716 erano stati registrati nel 2020 a partire da domenica.

Ma altri reati gravi sono aumentati quest’anno, nonostante i passeggeri della metropolitana siano rimasti a circa il 30% dei livelli pre-pandemici.

A domenica, le rapine registrate erano 514, contro le 455 dello stesso periodo dell’anno scorso. Fino alla fine di ottobre, c’erano state 294 denunce di aggressione criminale, rispetto alle 289 nello stesso periodo dell’anno scorso.

Finora quest’anno ci sono stati anche sei omicidi, rispetto ai tre dello stesso periodo dell’anno scorso, e cinque denunce di stupro, rispetto ai tre dell’anno scorso.

In risposta ai problemi di sicurezza, l’autorità di trasporto ha assunto 85 guardie di sicurezza in uniforme e disarmate per pattugliare la metropolitana e chiamare la polizia in risposta a incidenti violenti, se necessario. Inoltre, secondo l’autorità, nella metropolitana sono in servizio fino a 60 agenti di polizia e 300 agenti di polizia municipale per turno.

Tuttavia, negli ultimi mesi, molti lavoratori di transito e motociclisti si sono preoccupati che lo fossero vedendo meno uffici nella metropolitana.

Il capo O’Reilly ha detto che il sistema è stato oggetto di rinnovata attenzione nelle ultime settimane.

Prima delle elezioni presidenziali, “molte delle nostre risorse di transito sono state utilizzate in superficie per aiutare con dimostrazioni e proteste”, ha detto mercoledì in una riunione del consiglio di amministrazione, “posso farvi sapere, ad oggi, il 99 per cento di coloro le risorse sono ora di nuovo in transito. “

Ali Watkins e Sean Piccoli hanno contribuito al reportage.

#Shaken #unondata #violenti #attacchi #alla #metropolitana #innervosisce #motociclisti

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *