Il dipartimento di giustizia giustiziera un uomo per rapimento e omicidio nel 1994

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 51 Secondo

WASHINGTON – Il Dipartimento di Giustizia ha giustiziato Orlando Cordia Hall giovedì in tarda serata per il suo ruolo nel rapimento e l’uccisione di una ragazza di 16 anni nel 1994, dopo che la Corte Suprema aveva aperto la strada all’inizio della notte.

La sua esecuzione, mediante iniezione letale presso il penitenziario di Terre Haute, Ind., È stata l’ottava da parte dell’amministrazione Trump da questa estate, quando ha ripreso l’uso della pena capitale da parte del governo federale dopo una pausa di 17 anni.

Il signor Hall, 49 anni, è stato il primo dei tre prigionieri federali previsti per l’esecuzione durante la transizione presidenziale. Il presidente eletto Joseph R. Biden Jr. ha detto che lavorerà per porre fine all’uso della pena capitale da parte del governo federale, annullando il sostegno del presidente Trump.

Nelle sue ultime parole, il signor Hall ha ringraziato i suoi sostenitori e ha assicurato loro che stava bene, secondo un rapporto di un giornalista presente. “Abbiate cura di voi stessi”, ha detto. “Di ‘ai miei figli che li amo.”

Il Bureau of Prisons ha confermato in una dichiarazione che il signor Hall è stato dichiarato morto alle 23:47

Una dichiarazione della famiglia della vittima del signor Hall ha detto che era “la fine di un capitolo molto lungo e doloroso” nelle loro vite. La dichiarazione afferma anche che “l’esecuzione di Orlando Hall non fermerà mai le sofferenze che continuiamo a sopportare”.

“Per favore, prega per la nostra famiglia e per la sua”, ha aggiunto.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, Il signor Hall faceva parte di un’operazione di traffico di marijuana a Pine Bluff, Ark. Nel 1994, lui e altri andarono a casa di un uomo ad Arlington, in Texas, che credevano avesse rinnegato una transazione di droga, ha detto il dipartimento. Lì, il gruppo ha rapito la sorella sedicenne dell’uomo, e in seguito i membri del gruppo l’hanno violentata, picchiata sulla testa con una pala, inzuppata di benzina e seppellita viva.

Il signor Hall, che è nero, è stato condannato, tra gli altri reati, per rapimento con conseguente morte. I giurati che hanno deciso il suo destino erano tutti bianchi, hanno detto i suoi avvocati.

In una dichiarazione della scorsa settimana, i suoi avvocati hanno affermato che i pubblici ministeri nel caso del signor Hall hanno colpito i neri dal pool di potenziali giurati per animosità razzista per ottenere una giuria tutta bianca. Anche gli avvocati del signor Hall hanno citato altre accuse di pratiche di selezione della giuria basate sulla razza che hanno coinvolto uno di quei pubblici ministeri, Paul Macaluso.

In un’intervista, il signor Macaluso ha negato le accuse di razzismo nella selezione della giuria del signor Hall e ha detto che il risultato sarebbe stato lo stesso con i giurati neri.

“Devono trovare una scusa per spiegare perché una giuria ha condannato quest’uomo alla pena di morte”, ha detto. “Non abbiamo bisogno di trovare una sorta di scusa razziale per una giuria per trovare qualcuno che ha violato la legge e ha causato la morte di qualcuno.”

Negli ultimi giorni di vita del signor Hall, i tribunali erano in gran parte poco ricettivi alle richieste di un ritardo alla sua esecuzione. Sia la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale dell’Indiana che la Corte d’appello degli Stati Uniti per il settimo circuito hanno negato le richieste di soggiorno del signor Hall.

Ha trovato una tregua giovedì quando il giudice Tanya S. Chutkan del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto di Columbia ha concesso un soggiorno. Ma la Corte Suprema ha liberato l’ingiunzione giovedì sera, con gli altri tre giudici liberali dissenzienti.

Anche gli avvocati per conto del signor Hall e Brandon Bernard, un altro detenuto destinato a morire, hanno presentato una domanda d’emergenza per una sospensione dell’esecuzione alla Corte Suprema mercoledì, dopo che la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia ha rifiutato di emettere un rimanere. La domanda contestava il protocollo di esecuzione del governo federale, sostenendo che l’uso del farmaco pentobarbital senza prescrizione avrebbe violato la legge federale sugli alimenti, i farmaci e i cosmetici e avrebbe causato danni irreparabili.

Gli avvocati del signor Hall hanno anche affermato che gli è stato concesso il periodo di preavviso più breve nella storia della moderna pena di morte federale, appena 50 giorni. Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato la sua esecuzione programmata il 30 settembre.

Con il breve tempo prima della sua morte programmata e in mezzo alla pandemia di coronavirus, il governo “ha infranto i diritti del signor Hall a un giusto processo e un accesso significativo a un avvocato e al processo di clemenza”, hanno affermato i suoi avvocati in un deposito presso la Corte Suprema.

Ma la Corte Suprema ha respinto tre richieste di sospensione dell’esecuzione del signor Hall, inclusa quella con il signor Bernard, in una serie di ordini non firmati giovedì sera.

L’amministrazione Trump intende giustiziare altri due detenuti nelle ultime settimane.

Il governo aveva programmato di eseguire Lisa M. Montgomery, l’unica donna nel braccio della morte federale, l’8 dicembre. Tuttavia, un giudice federale ha ordinato giovedì che il governo non la condannasse a morte prima del 31 dicembre. In un parere per memorandum, il giudice Randolph D. Moss della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia ha citato le recenti diagnosi di coronavirus dei suoi due avvocati di lunga data.

Un portavoce del team legale della signora Montgomery ha detto in una dichiarazione che uno degli avvocati ha trascorso sei ore al pronto soccorso mercoledì sera con una frequenza cardiaca elevata e la pressione sanguigna elevata. Gli avvocati della signora Montgomery avevano sostenuto che i suoi diritti sarebbero stati violati senza un accesso sufficiente al suo consulente esperto e agli esperti di salute mentale durante il suo processo di clemenza.

#dipartimento #giustizia #giustiziera #uomo #rapimento #omicidio #nel

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *