Il servizio postale prende la campagna della lettera “Operazione Babbo Natale”

Visualizzazioni: 13
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 50 Secondo

Per più di un secolo è stato un modo semplice per realizzare i sogni di un bambino durante il Natale. I volontari potevano andare all’ufficio postale, setacciare pile di lettere che i bambini avevano inviato a Babbo Natale e sceglierne una – o più – che tirassero le corde del loro cuore. I regali venivano quindi acquistati, incartati e spediti alle famiglie il cui spazio sotto l’albero avrebbe altrimenti potuto essere nudo.

Con la pandemia di coronavirus ancora infuriata, tuttavia, il servizio postale degli Stati Uniti ha annunciato lunedì che stava portando la sua campagna annuale “Operazione Santa” a livello nazionale e che le lettere a Babbo Natale potevano essere lette esclusivamente online.

Alcune cose non stanno cambiando: proprio come negli ultimi 108 anni, il servizio postale ha detto che stava invitando i bambini americani a scrivere lettere e a spedirle al Polo Nord, utilizzando un indirizzo speciale e un codice postale e affrancatura corretta.

Quest’anno, tuttavia, le lettere verranno caricate su il sito web di Operation Santa, purché siano leggibili e facciano richieste specifiche per articoli come giocattoli, vestiti o giochi. A partire dal 4 dicembre, i clienti postali possono quindi leggerli e scegliere di inviare regali con le loro risposte, con una firma che dice che è di Babbo Natale (o St. Nick, Kris Kringle o uno dei tanti nomi di Babbo Natale).

“Il Covid-19 ha causato indebite difficoltà, sia finanziarie che emotive, a tanti americani quest’anno”, ha detto in una e-mail Kimberly Frum, portavoce del servizio postale. “Il programma offre ai bambini e alle famiglie l’opportunità di ricevere regali durante le vacanze da clienti postali anonimi e generosi”.

Quei clienti erano soliti rivedere le lettere di persona, ma negli ultimi anni l’operazione Santa è stata trasferita in gran parte online dopo un programma pilota nel 2017. Entro il 2019, l’operazione online si è estesa a 15 città, tra cui New York, Chicago, Denver e Grand Rapids, Mich, a, “migliorare la capacità delle persone generose in tutta la nazione di aiutare chi è nel bisogno, non importa dove vivono”, ha detto la signora Frum. I cosiddetti programmi legacy sono ancora attivi a New York e Chicago, dove i clienti potrebbero recarsi in un ufficio postale per leggere le lettere di persona, ma questi programmi non saranno offerti quest’anno a causa della pandemia, ha detto la signora Frum.

La decisione di rendere il programma disponibile a livello nazionale è un riconoscimento della triste realtà che molti americani devono affrontare durante le festività natalizie. La perdita di posti di lavoro diffusa ha contribuito a una situazione in cui una famiglia su otto non hai abbastanza da mangiare. Anche se i lavori hanno iniziato a tornare, con il rapporto sui lavori del mese scorso mostrato un calo completo del punto percentuale del tasso di disoccupazione, il numero di disoccupati di lunga durata – quelli senza lavoro da più di sei mesi – è aumentato del 50 per cento a 3,6 milioni. E a forte aumento dei casi di coronavirus nelle ultime settimane minaccia quei fragili guadagni economici.

Il servizio postale ha detto che il programma Operazione Santa ha ricevuto centinaia di migliaia di lettere ogni anno.

“Sembra una piccola cosa”, ha detto la signora Frum. “Ma per chiunque stia lottando, è un affare enorme poter fare o ricevere un regalo e condividere un po ‘della gioia che è la stagione delle vacanze”.

#servizio #postale #prende #campagna #della #lettera #Operazione #Babbo #Natale

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *