Il turismo, motore principale dell’economia di New York, potrebbe non riprendersi fino al 2025

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 17 Secondo

Il turismo a New York City avrà bisogno di almeno quattro anni per riprendersi dalla caduta libera innescata dalla pandemia, secondo una nuova previsione dell’agenzia di promozione turistica della città, una valutazione cupa che riflette i principali ostacoli alla ripresa economica della città.

Il ritorno dei visitatori internazionali, che restano più a lungo e spendono molto di più dei visitatori nazionali, sarà ancora più lento, prevede l’agenzia. Il numero di turisti stranieri in città non dovrebbe tornare al livello del 2019 prima del 2025, secondo le previsioni.

“Inizialmente sarà una costruzione molto lenta”, ha affermato Fred Dixon, amministratore delegato dell’agenzia, NYC & Company.

Il signor Dixon ha detto che il rimbalzo dipende dalla distribuzione di un vaccino efficace, che secondo i funzionari della sanità pubblica potrebbe avvenire entro la tarda primavera o l’inizio dell’estate. Fino ad allora, il flusso di visitatori rimarrà scarso, ha detto.

Il turismo era stato uno dei motori che alimentavano l’economia di New York City attraverso un boom che si è interrotto bruscamente a marzo, quando la pandemia ha costretto la chiusura della maggior parte delle attività commerciali. New York ha attirato un record di 66,6 milioni di visitatori nel 2019 e quest’anno è stato ancora più veloce, ha affermato Dixon. Ora la città potrebbe ricevere solo un terzo dei visitatori rispetto all’anno scorso.

L’industria è fondamentale per la città, fornendo fino a 400.000 posti di lavoro e assorbendo 46 miliardi di dollari di spesa, secondo le stime di NYC & Company. Il fallimento del turismo ha devastato molti altri settori dell’economia, inclusi hotel, ristoranti e teatri di Broadway.

I viaggi di piacere e d’affari si sono bloccati a metà marzo e da allora sono rimasti in sospeso. NYC & Company stima che 12 milioni di persone hanno visitato la città quest’anno prima della chiusura e il totale nei successivi nove mesi potrebbe raggiungere solo i 10 milioni, una cifra che include tutti gli infermieri e altri lavoratori essenziali arrivati ​​in risposta alla crisi del coronavirus .

NYC & Company conta tutti gli ospiti durante la notte e chiunque viaggi da più di 50 miglia di distanza come visitatore. Dopo la chiusura, l’agenzia ha abbandonato le previsioni per quest’anno e oltre. La sua nuova previsione prevede 38,2 milioni di visitatori nel 2021, che saliranno a 69 milioni entro il 2024.

Ma meno di 5 milioni di quei visitatori previsti per il 2021 proverranno dall’estero, secondo le previsioni. E entro il 2024, quel numero non sarà tornato ai 13,5 milioni di visitatori internazionali che l’agenzia ha contato nel 2018 e nel 2019.

Il tipico visitatore internazionale spende quattro volte più soldi durante una visita rispetto al tipico visitatore domestico, ha detto il signor Dixon.

Dato che i confini del paese sono stati in gran parte chiusi da aprile, praticamente tutti coloro che sono arrivati ​​in città da allora sono stati visitatori nazionali. Alla fine dell’estate, i turisti avventurosi hanno iniziato a dribblare, soprattutto per brevi soggiorni nel fine settimana, ha detto il signor Dixon. Ma i funzionari dell’industria alberghiera hanno affermato che le restrizioni di quarantena imposte ai visitatori dalla maggior parte degli stati dal governatore Andrew M. Cuomo hanno soppresso tale attività.

Il signor Dixon ha detto che si aspetta che l’attuale modello si mantenga oltre la metà dell’anno perché i viaggi internazionali saranno più lenti a riprendersi e ci sarà una forte concorrenza tra molte destinazioni per la prima ondata di persone che lasceranno i loro paesi d’origine. La ripresa sarà complicata dal dilemma che le imprese e le organizzazioni delle arti dello spettacolo dovranno affrontare nel decidere se riaprire per attirare i visitatori o aspettare che ricompaiano, ha detto.

Broadway ha ripetutamente esteso il periodo di tempo in cui rimarrà chiusa. L’apertura dei primi teatri è prevista per il 30 maggio.

“Molti considerano Broadway la campana della cena”, ha detto Dixon. “Non appena suona la campana della cena, le persone verranno in lungo e in largo.”

#turismo #motore #principale #delleconomia #York #potrebbe #riprendersi #fino

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *