L’agente del Wisconsin che ha ucciso a morte tre uomini in cinque anni si dimette

Visualizzazioni: 26
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 54 Secondo

Un agente di polizia del Wisconsin che ha sparato a morte a un adolescente nero armato nel parcheggio di un centro commerciale a febbraio e, dal 2015, ha ucciso altri due uomini mentre era in servizio ha accettato di dimettersi, ha detto il governo di Wauwatosa martedì notte.

Joseph Mensah, un ufficiale di polizia nero del dipartimento di polizia di Wauwatosa, ha accettato di dimettersi il 30 novembre come parte di un “accordo di separazione” con l’Associazione degli ufficiali di pace di Wauwatosa, il sindacato di polizia e il Consiglio comune, l’organo di governo di Wauwatosa, una città a circa cinque miglia a ovest di Milwaukee.

L’accordo è stato approvato dal Consiglio nella notte di martedì.

“Ora è il momento per tutti noi di riunirci e guarire”, il sindaco Dennis McBride ha detto in una dichiarazione. “Abbiamo compiuto progressi sostanziali durante il 2020 e nel prossimo anno continueremo a concentrarci su cambiamenti positivi per la nostra comunità”.

I termini dell’accordo non sono stati divulgati. Una portavoce del dipartimento di polizia e un avvocato dell’agente Mensah non hanno immediatamente risposto ai messaggi in cerca di commenti.

L’agente Mensah ha sparato ad Alvin Cole, 17 anni, il 2 febbraio dopo che l’adolescente si era rifiutato di posare un’arma da fuoco ed era scappato dalla polizia dopo uno scontro in un centro commerciale, secondo John Chisholm, il procuratore distrettuale della contea di Milwaukee, che il mese scorso ha pubblicato una lettera di 14 pagine in cui diceva che non avrebbe perseguito l’agente Mensah.

“In questo caso, ci sono prove sufficienti che l’agente Mensah avesse un’effettiva convinzione soggettiva che la forza mortale fosse necessaria e che la convinzione fosse oggettivamente ragionevole”, ha detto il signor Chisholm nella lettera, che ha dettagliato le sue scoperte al capo della polizia della città, Barry Weber .

Mercoledì, Kimberley Motley, un avvocato della famiglia del signor Cole, ha detto di aver presentato una richiesta di documenti pubblici alla città cercando di determinare i termini della separazione.

“Sicuramente accogliamo con favore il fatto che Joseph Mensah non sarà più nel dipartimento di polizia”, ​​ha detto. “Avrebbe dovuto essere eliminato.”

La signora Motley ha detto che il capo Weber non è riuscito a proteggere i residenti della città mantenendo l’agente Mensah in forza per così tanti anni.

“Se il capo Weber lo avesse adeguatamente supervisionato e risolto anni fa, Alvin Cole sarebbe vivo oggi”, ha detto.

Il procuratore distrettuale, il signor Chisholm, ha detto in ottobre che, secondo gli agenti, il signor Cole aveva puntato la pistola contro la polizia ad un certo punto durante lo scontro di febbraio, e che aveva sparato mentre scappava.

La decisione del signor Chisholm è arrivata lo stesso giorno in cui un investigatore indipendente ha pubblicato un rapporto di 81 pagine che raccomandava il licenziamento dell’agente Mensah. L’investigatore, Steven M. Biskupic, ha detto nel suo rapporto che l’agente Mensah aveva fatto affermazioni “incoerenti e fuorvianti” sulle sparatorie mortali.

Nel caso della sparatoria del signor Cole, il signor Biskupic ha detto che il signor Cole non ha sparato contro gli agenti di polizia durante l’inseguimento e si era accidentalmente sparato al braccio.

Ma quando l’agente Mensah ha parlato in un’intervista radiofonica a luglio della sparatoria, non ha mai corretto un conduttore che ha detto, “in realtà il sospetto è corso fuori dal centro commerciale e ti ha sparato”, secondo il rapporto.

Mantenere l’agente Mensah nella forza creerebbe “un rischio straordinario, ingiustificato e inutile” per il dipartimento e la città, ha scritto Biskupic, un ex procuratore federale.

La decisione del procuratore distrettuale ha scatenato proteste che secondo la polizia sono diventate violente dopo un gruppo di manifestanti ha lanciato pietre alle forze dell’ordine. Ufficiali gas lacrimogeni usati per dissipare le folle.

L’8 ottobre, la madre del signor Cole, Tracy Cole, è stato messo in manette dopo che è stata fermata nella sua macchina da agenti di polizia che stavano applicando un coprifuoco inteso a reprimere le proteste, ha detto la signora Motley.

Nel video della fermata che è stata pubblicata su Facebook, si può sentire dire: “Non toccarmi” e identificarsi come la madre del signor Cole mentre gli agenti minacciano di arrestarla e usare un Taser su di lei.

“Non riesco a respirare”, si può sentire dire. “Non posso credere che voi tutti mi abbiate fatto questo.”

La signora Motley ha detto che la signora Cole, che ha detto di essere stata colpita alla testa da uno degli agenti, è stata ricoverata in ospedale dopo lo scontro.

Prima dell’annuncio del procuratore distrettuale, i manifestanti si erano impegnati in manifestazioni pacifiche, con persone che marciano per le strade del centro della città sotto la pioggia battente e intonano i nomi di altre persone uccise dall’agente Mensah.

Nel 2016, ha sparato a un uomo di nome Jay Anderson Jr. nella sua auto dopo aver detto che il signor Anderson aveva preso una pistola. Nel 2015, l’agente Mensah e un altro ufficiale hanno sparato a morte ad Antonio Gonzalez, che brandiva una spada quando è stato affrontato dalla polizia.

Martedì scorso, i funzionari di Wauwatosa hanno detto che la città aveva chiesto alla polizia e alla commissione dei vigili del fuoco di incontrarsi “non appena possibile” per archiviare le accuse pendenti contro l’agente Mensah perché presto non sarebbe più un dipendente.

La dichiarazione non descriveva quali fossero quelle accuse. La signora Motley ha detto che la parola “accusa” si riferiva alle denunce che aveva presentato contro l’agente Mensah che lo accusava di non aver seguito la procedura corretta e di usare la forza eccessiva in tutte e tre le sparatorie mortali.

Ha detto che le denunce avrebbero portato a un’audizione pubblica.

La signora Motley ha detto che la famiglia avrebbe continuato a premere per ulteriori informazioni dal dipartimento di polizia sul motivo per cui l’agente Mensah è rimasto in servizio così a lungo.

Ha aggiunto: “Questa lotta è tutt’altro che finita”.



#Lagente #del #Wisconsin #che #ucciso #morte #tre #uomini #cinque #anni #dimette

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *