Le società e le nazioni straniere fanno perno sulla lobby di Biden

Visualizzazioni: 26
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 1 Secondo

La signora Podesta, che gestisce una società di lobbying con decine di clienti aziendali, tra cui Apple e Yelp, ha affermato di aver notato un aumento dell’interesse per la sua azienda di stampo democratico, che nelle ultime settimane ha firmato nuovi clienti prima della prevista vittoria di Biden.

“Il vero cambiamento arriverà a dicembre”, ha detto. “Ci vuole un po ‘di tempo prima che le aziende Fortune 500 prendano queste decisioni”.

Altri ben posizionati per trarre profitto nell’era Biden includono la società di lobbying di proprietà di Jeff Ricchetti, il fratello del presidente della campagna di Biden e consigliere entrante della Casa Bianca, Steve Ricchettie un’azienda co-fondata da Jeffrey Peck, che ha lavorato nella commissione giudiziaria del Senato sotto il Sig. Biden ed è stato tesoriere della Fondazione Biden.

Il signor Peck ha annullato la registrazione come lobbista all’inizio di quest’anno, ma l’azienda che porta il suo nome continua a svolgere un’attività di lobbismo vivace, aggiunta di clienti come il International Franchise Association nel mesi prima l’elezione.

Si prevede inoltre che l’amministrazione Biden generi nuovi affari per le aziende con collegamenti con il signor Biden o il suo team che aiutano i clienti a farsi strada a Washington senza registrarsi formalmente per fare lobby, tra cui Consulenti WestExec e Albright Stonebridge Group, così come Beacon Global Strategies. Beacon Global, che ha rappresentato Raytheon e Citi tra gli altri clienti, è stato co-fondato da Jeremy Bash, un ex funzionario del Dipartimento della Difesa di Obama che ha lavorato a stretto contatto con il Sig. Biden appena nominato capo del personale della Casa Bianca, Ron Klain.

Precision Strategies, l’autodescritta “agenzia di marketing e strategia integrata” co-fondata da Jennifer O’Malley Dillon, responsabile della campagna del Sig. Biden e vice capo del personale della Casa Bianca, è stata assunta a partire da agosto per svolgere il lavoro di pubbliche relazioni del American Investment Council, un gruppo di lobbying che rappresenta le società di private equity.

Una delle più importanti di queste aziende è SKDK, che fornisce comunicazioni e raccolta fondi consulenza a clienti aziendali, politici e stranieri, inclusi la campagna Biden, un super PAC avviato dall’ex sindaco di New York City Michael R. Bloomberg e da una società di spyware israeliana. (SKDK si è registrato sotto leggi sulla lobby in passato, ma si dice che era per la consulenza in materia di affari pubblici e che non fa lobby.)

#società #nazioni #straniere #fanno #perno #sulla #lobby #Biden

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *