Mentre Grassley risulta positivo per il coronavirus, il virus minaccia di bloccare il lavoro al Congresso

Visualizzazioni: 18
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 5 Secondo

Diversi repubblicani, compresi i legislatori che hanno avuto il Covid-19, continuano a resistere a indossare maschere in altre parti del Campidoglio, e lunedì è scoppiato un brutto battibecco sulla pratica all’aula del Senato normalmente decorosa.

Alla fine della scorsa settimana, i leader democratici della Camera hanno improvvisamente trasformato una cena elaborata nella Statuary Hall per i loro nuovi membri in un pasto da asporto dopo aver affrontato un contraccolpo online e internamente per aver ospitato un evento del genere quando la maggior parte degli americani viene avvertita di ridurre o annullare le vacanze piani. E durante l’orientamento per i nuovi legislatori – che era già stato in gran parte sottomesso a causa del virus – Marjorie Taylor Greene, una repubblicana non sostenitrice del QA, ha annunciato con orgoglio nel mezzo di una discussione sulla sicurezza in caso di pandemia di aver denunciato i copricapi.

È una dinamica che non fa ben sperare per la partecipazione nei giorni in declino del 116 ° Congresso. Martedì, l’assenza di Mr. Grassley e Mr. Scott ha temporaneamente bloccato la conferma di Judy Shelton, candidata alla Fed di Trump, dopo che i repubblicani non hanno ricevuto il sostegno necessario per avanzare al voto finale.

“C’è questo tipo di macho, ‘Beh, non ho paura di Covid’ cosa che sta succedendo”, ha detto il senatore Brian Schatz, Democratico delle Hawaii, che ha uno dei più lunghi spostamenti congressuali e ha incaricato tutto il suo staff di lavorare a distanza. “Dobbiamo dirigere il governo – questo è il nostro obbligo. Il nostro obbligo non è quello di dimostrare che personalmente non abbiamo paura, perché dobbiamo approvare una legislazione per affrontare questa crisi e non siamo buoni con nessuno se siamo malati o in quarantena “.

Le divisioni partigiane sono state ulteriormente sottolineate da uno scambio teso lunedì sera tra il senatore Sherrod Brown, democratico dell’Ohio, e il senatore Dan Sullivan, repubblicano dell’Alaska, mentre il signor Sullivan presiedeva la camera.

Quando il signor Brown si alzò per parlare, chiese al signor Sullivan, la cui maschera era tolta e giaceva sulla scrivania di fronte a lui, di “indossare una maschera”, in parte per proteggere i membri del personale tenuti a sedersi sul palco solo sotto, a una distanza inferiore ai sei piedi raccomandati per un corretto distanziamento.

“Non indosso una maschera quando parlo, come la maggior parte dei senatori”, ribatté il signor Sullivan, che indossa una maschera intorno al Campidoglio ma la toglie per parlare sul pavimento. “Non ho bisogno delle tue istruzioni.”

#Mentre #Grassley #risulta #positivo #coronavirus #virus #minaccia #bloccare #lavoro #Congresso

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *