Opinione | I repubblicani dovrebbero difendere il processo elettorale della Georgia

Visualizzazioni: 20
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 15 Secondo

Non c’è stato quasi mai un momento così difficile per essere l’amministratore elettorale capo di uno stato. Nella maggior parte degli stati, quel ruolo è ricoperto dal segretario di stato e condurre un’elezione è solo una delle tante responsabilità che richiede il tempo e l’attenzione di quella persona. Eppure questi funzionari pubblici hanno abilmente condotto un’elezione in mezzo a una pandemia, in particolare Brad Raffensperger, il segretario di stato della Georgia.

Ho incontrato il signor Raffensperger per la prima volta poche settimane dopo la sua elezione nel 2018, a una riunione dei nuovi segretari di stato. In qualità di ex presidente dell’Associazione nazionale dei segretari di Stato e presidente dell’Associazione repubblicana dei segretari di Stato, ho incontrato molti amministratori elettorali, dai mediocri agli eccellenti. Sono rimasto colpito dal signor Raffensperger. Si avvicina al suo lavoro con pragmatismo. A differenza della maggior parte dei segretari di stato, è un ingegnere di formazione e si avvicina all’amministrazione elettorale dal punto di vista di un “ragazzo dei numeri. “

Troppi segretari di stato si vedono come governatori in attesa, ma il signor Raffensperger era entusiasta di aggiustare i dadi e i bulloni della macchina elettorale. In soli due anni in carica, ha migliorato la sicurezza elettorale della Georgia in diversi modi.

In primo luogo, ha sostituito obsoleto, sistemi di voto senza carta con sistemi di voto accessibili e cartacei, che hanno consentito il controllo delle elezioni in Georgia. Per queste elezioni, vista la vicinanza del voto, il signor Raffensperger ha in programma un riconteggio a mano, ma andando avanti, la Georgia stabilirà audit di limitazione del rischio, che utilizzano il campionamento statistico per confermare i risultati.

Ha anche Iscritto il Centro informazioni sulla registrazione elettronica, che consentirà alla Georgia di mantenere le sue liste elettorali più aggiornate, rimuovendo le persone che sono morte o si sono trasferite fuori dallo stato. E ha ulteriormente ripulito le liste elettorali della Georgia istituendo un sistema automatizzato di verifica e registrazione per rendere le elezioni più efficienti e ridurre le possibilità di frode degli elettori.

Dopo le primarie presidenziali, che hanno caratterizzato lunghe file e tempi di attesa nei seggi elettorali, Raffensperger ha lavorato con i funzionari elettorali locali per snellire il processo di voto. Mentre molti stati, compresa la Georgia, avevano lunghe file per il voto anticipato, il giorno delle elezioni nello stato il tempo medio di attesa era solo due minuti. Durante il suo mandato, il suo ufficio è stato straordinariamente accessibile e trasparente. Lui e il suo team tengono regolarmente briefing, rispondendo alle domande dei media e del pubblico.

È difficile credere che Raffensperger sia diventato un obiettivo dei politici repubblicani. Corse come repubblicano e vinse come repubblicano. Il suo campagna si basava sull’assicurare che “solo i cittadini americani votino alle nostre elezioni”. Da quando è entrato in carica, ha realizzato le cose che i repubblicani vogliono nel segretario di stato, tra cui liste elettorali più accurate e una gestione più efficiente che fa risparmiare denaro ai contribuenti. A suo merito, riconosce che nessuna elezione in tutto lo stato è perfetta: una manciata di casi di frode elettorale compaiono, e in Georgia, riferisce tali casi agli investigatori.

È chiaro che questi critici repubblicani stanno cercando di fare da capro espiatorio il signor Raffensperger per l’apparente perdita del presidente Trump in Georgia e in molti altri stati chiave. Lo fanno nonostante non siano in grado di offrire alcuna prova significativa di frodi sistemiche o errori amministrativi che potrebbero modificare il risultato.

Invece di attaccarlo, i repubblicani dovrebbero celebrare il signor Raffensperger per aver condotto un’elezione priva di diffusi illeciti, nonostante un’affluenza record, una pandemia, minacce da paesi stranieri ostili e una persistente mancanza di fondi.

Con due prossime elezioni al Senato, i repubblicani dovrebbero incoraggiarlo a continuare il buon lavoro. Quando ero segretario di stato del Kentucky, il senatore Mitch McConnell era mio amico e mentore. È stato il suo esempio che mi ha portato a candidarmi al Senato degli Stati Uniti; Voglio che continui a servire come leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti, il che significa che voglio che i repubblicani in Georgia vincano.

Ma attaccando il signor Raffensperger, i repubblicani stanno inviando il messaggio che i voti repubblicani non contano. Che i repubblicani in carica tollerano la frode elettorale. Che il risultato delle elezioni dipende da qualcosa di diverso dal numero di voti che ogni candidato ottiene. Mi sono candidato a una carica pubblica tre volte e ho lavorato a innumerevoli campagne repubblicane, e questo non è il messaggio che vorrei portare ai miei sostenitori.

Ho un messaggio migliore: fidati del signor Raffensperger. Fidati dei risultati delle elezioni. Concentrati sulla partecipazione al Senato.

Trey Grayson è un ex segretario di stato del Kentucky e co-presidente del comitato consultivo del Secure Elections Project.

Il Times si impegna a pubblicare una varietà di lettere all’editore. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensate di questo o di uno qualsiasi dei nostri articoli. Eccotene alcune suggerimenti. Ed ecco la nostra email: letters@nytimes.com.

Segui la sezione del New York Times Opinion su Facebook, Twitter (@NYTopinion) e Instagram.



#Opinione #repubblicani #dovrebbero #difendere #processo #elettorale #della #Georgia

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *