Opinione | Le scuole dovrebbero essere le ultime cose che chiudiamo, non le prime

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 11 Secondo

Infine, dobbiamo riconoscere che alcuni insegnanti corrono un rischio maggiore di altri ed essere attenti a come li proteggiamo. Dobbiamo investire in schemi di test rapidi e ripetuti per fornire un ulteriore livello di protezione. Molti college e università l’hanno capito.

Seguire questo playbook richiederà miliardi di dollari dal governo federale, ma i costi valgono bene l’investimento. L’istruzione è estremamente importante. Sfortunatamente, le nostre scuole non sono, per la maggior parte, preparate a fornire contenuti educativi di alta qualità online. I bambini sono anche animali sociali e hanno bisogno di interazioni di persona sicure per la loro salute mentale e il loro sviluppo.

Le scuole sono necessarie anche per l’economia. Se non sono aperti, molti genitori non possono lavorare, anche se lo fanno da casa.

La chiusura delle scuole acuisce anche le disparità sociali ed economiche. In alcune città, soprattutto nelle zone più povere, tanti quanti un bambino su tre non ha partecipato o non ha potuto partecipare all’apprendimento online quando le scuole di tutto il paese sono state chiuse in primavera. Gli studenti che rimangono indietro avranno un momento incredibilmente difficile per recuperare. Avranno meno probabilità di laurearsi, con enormi conseguenze per tutta la vita.

Potrebbe arrivare un momento in cui la pandemia è diventata così ingestibile che dobbiamo chiudere tutto, comprese le scuole. (Questo è stato il caso quando ho litigato che le chiusure erano necessarie a marzo). Ma le scuole sono essenziali e dovrebbero essere trattate come tali. Quando diamo la priorità, dovrebbero essere tra le ultime cose da chiudere. Quasi tutto il resto dovrebbe essere prima messo in pausa. Questo è cosa sta facendo l’Europa. Nessuno può spiegare perché, ancora una volta, gli Stati Uniti scelgono la propria strada.

Poiché le scuole non sono la causa principale del problema, chiuderle non basta da sole a rallentare la diffusione della malattia. Quando – non se – le aziende saranno costrette a chiudere temporaneamente nel prossimo futuro, possiamo farle finire con i soldi, e dovremmo assolutamente. Quando le scuole sono chiuse, tuttavia, consegnare agli studenti un assegno non sostituirà ciò che hanno perso.

Gli adulti americani hanno fallito in quasi tutti i modi immaginabili in questa pandemia. Niente di tutto ciò è colpa dei bambini. Quando proviamo a risolvere questo ultimo pasticcio, mettiamo al primo posto le loro esigenze.

Il Times si impegna a pubblicare una varietà di lettere all’editore. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensate di questo o di uno qualsiasi dei nostri articoli. Eccotene alcune suggerimenti. Ed ecco la nostra email: letters@nytimes.com.

Segui la sezione The New York Times Opinion su Facebook, Twitter (@NYTopinion) e Instagram.



#Opinione #scuole #dovrebbero #essere #ultime #cose #che #chiudiamo #prime

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *