Perché i pianisti sanno così poco dei pianoforti?

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 46 Secondo

Quando possibile, la signora Uchida porta il suo pianoforte, cosa insolita tra i pianisti, anche quelli più grandi. (Vladimir Horowitz, nei suoi ultimi anni, spesso suonava il suo pianoforte, o uno riservato specificatamente a lui da Steinway; più recentemente, Krystian Zimerman ha quasi sempre viaggiato con il suo strumento e ne comprende a fondo la meccanica.) A casa sua a Londra, La signora Uchida ha tre grands da concerto e ne tiene un altro “parcheggiato in Germania”, ha detto, facilitando il trasporto nelle sale e negli studi di registrazione dell’Europa continentale. Ovviamente, le sfide logistiche legate allo spostamento di un pianoforte su lunghe distanze sono considerevoli, per non parlare della spesa. Le istituzioni coprono i costi? Mentre è “caso per caso”, ha detto la signora Uchida, di solito no.

Ma ha contestualizzato questa spesa. “Non ho eccessi altrimenti”, ha detto. “Non ho bisogno di case di campagna, gioielli costosi, auto costose, collezioni speciali di qualsiasi cosa.”

Evita di spedire negli Stati Uniti, tuttavia, tranne una volta, alcuni anni fa, quando è andata in tournée con la Bavarian Radio Symphony Orchestra di Monaco in Sud America e New York. “I pianoforti sudamericani non dovevano essere raccomandati”, ha detto. Quindi ha portato il suo, che ha usato anche per un concerto alla Carnegie Hall.

Non è difficile immaginare perché i pianisti possano desiderare questo lusso di poter sempre esibirsi con i propri strumenti. Tuttavia, il signor Tao ha fatto una discussione toccante a favore dell’adattabilità.

“Vedo la realtà di essere un pianista come un dono, un’opportunità che amplia l’idea di quale possa essere la tecnica nella musica”, ha detto. L’idea che tu pratichi un’esibizione alla perfezione a casa e poi la ripeti in un concerto è “tolta dal tavolo”, ha aggiunto. “Con ogni nuovo strumento, devi essere un po ‘umiliato e sviluppare una connessione con la logica all’interno del tuo modo di suonare.”

Tornato al mio appartamento, il tecnico è finalmente passato, ha accordato il mio piano e ha apportato modifiche meccaniche ad alcuni tasti. In seguito si sentiva e suonava molto meglio. Non ho idea di cosa fosse coinvolto.

#Perché #pianisti #sanno #così #poco #dei #pianoforti

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *