Servizio segreto colpito di nuovo dall’epidemia di Coronavirus

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 58 Secondo

WASHINGTON – La Divisione in uniforme dei servizi segreti ha subito un’epidemia di coronavirus, secondo quattro persone informate sulla questione, l’ultimo colpo a un’agenzia assediata che ha dovuto affrontare sfide nello svolgimento dei suoi compiti durante la pandemia.

L’epidemia è almeno la quarta a colpire l’agenzia dall’inizio della pandemia, zoppicando ulteriormente il suo personale mentre continua a fornire piena protezione al presidente Trump e si prepara a far crescere il numero di persone che è incaricato di proteggere a causa dell’elezione di Joseph. R. Biden Jr.

Almeno 30 agenti dei Servizi Segreti in divisa sono risultati positivi nelle ultime settimane al virus e l’agenzia ha chiesto di mettere in quarantena altri 60, secondo le persone, che hanno parlato a condizione di anonimato perché non volevano essere identificati discutendo di questioni di personale. Almeno una manciata di agenti è risultata positiva o è stata costretta a isolarsi, hanno detto due delle persone.

Il Washington Post segnalato per la prima volta l’epidemia.

Non è chiaro come gli agenti abbiano contratto il virus. Molti si sono recati agli eventi della campagna di Trump o Biden nelle ultime settimane delle elezioni, ha detto la gente. Anche diversi alti funzionari della Casa Bianca e alleati di Trump hanno contratto il virus dopo aver partecipato a un festa della notte delle elezioni alla Casa Bianca.

Una portavoce ha detto che il servizio segreto ha mantenuto i propri compiti durante la stagione della campagna e che stava prendendo precauzioni, inclusi test, rintracciamento dei contatti e isolamento delle persone secondo necessità, per rispondere al Covid-19.

“La salute e la sicurezza della nostra forza lavoro è fondamentale”, ha detto la portavoce, Julia McMurray.

Ufficiali della divisione in uniforme hanno responsabilità diverse da i famosi agenti dei servizi segreti che sorvegliano i presidenti e le loro famiglie. Gli ufficiali forniscono protezione per luoghi fisici come la Casa Bianca e la casa del vicepresidente all’Osservatorio navale di Washington. Inoltre proiettano folle in eventi pubblici. La divisione – che ha 1.600 ufficiali – è stata ampiamente criticata dopo che i saltatori di recinzione hanno violato i terreni della Casa Bianca durante il secondo mandato dell’ex presidente Barack Obama.

Molti ufficiali e agenti hanno espresso privatamente preoccupazioni nelle ultime settimane della corsa presidenziale riguardo ai viaggi per eventi elettorali in tutto il paese. Temevano di contrarre il virus durante gli eventi o durante il viaggio, secondo due persone informate in merito.

La pandemia ha gravato particolarmente sulle forze dell’ordine i cui funzionari entrano in contatto diretto con le persone per svolgere il proprio lavoro. Nei primi mesi dell’epidemia, uno su sei agenti del Dipartimento di Polizia di New York era fuori malato o in quarantena.

La pandemia ha creato problemi unici per i servizi segreti in quanto la natura del suo lavoro, specialmente durante una campagna presidenziale, costringe l’agenzia a dispiegare i suoi agenti in tutto il paese, compresi gli eventi organizzati da Trump in cui le distanze sociali erano raramente praticate e logoranti. le maschere non erano richieste.

Nell’esempio più lampante dei pericoli che gli agenti hanno dovuto affrontare, il signor Trump ha tenuto una manifestazione a giugno in un’arena al coperto a Tulsa, Okla. Uno degli alleati del signor Trump che ha partecipato all’evento, Herman Cain, è morto a causa del virus sei settimane dopo il rally.

In agosto, almeno 11 dipendenti presso la struttura di addestramento dei servizi segreti nel Maryland è risultato positivo al virus. L’agenzia aveva chiuso la struttura all’inizio dell’anno per sviluppare procedure per mitigare la trasmissione del coronavirus. Ma si ritiene che diversi tirocinanti abbiano contratto il virus durante gli esercizi di addestramento e in un hotel vicino dove non praticavano l’allontanamento sociale.

All’inizio dell’estate, due membri dei servizi segreti che erano stati inviati per fornire sicurezza al raduno di Tulsa sono risultati positivi. In quel periodo, il vicepresidente Mike Pence ha annullato un viaggio in Florida dopo che i membri del suo dettaglio hanno mostrato i sintomi del virus.

L’ultima epidemia arriva in un momento in cui le risorse dei servizi segreti sono già esaurite. Durante una transizione, ci si aspetta che l’agenzia fornisca maggiore protezione al presidente eletto e al vice presidente eletto e alle loro famiglie, pur continuando i suoi doveri regolari di proteggere il presidente e la sua famiglia.

Durante il suo ricovero in ospedale per il coronavirus a ottobre, il signor Trump ha fatto passare un agente davanti a un gruppo di sostenitori fuori dall’ospedale. Esperti medici hanno detto che il signor Trump era probabilmente contagioso in quel momento e che gli agenti che si trovavano in una Chevy Suburban sigillata ermeticamente con lui avrebbero potuto essere facilmente infettati, anche se erano coperti dallo stesso tipo di equipaggiamento protettivo personale usato dai professionisti medici.

Annie Karni ha contribuito alla segnalazione.

#Servizio #segreto #colpito #nuovo #dallepidemia #Coronavirus

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *