Un ultimo tentativo di Trump di tagliare i prezzi dei farmaci potrebbe inciampare in tribunale

Visualizzazioni: 27
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 43 Secondo

Sebbene Trump abbia descritto la politica come trasformativa, potrebbe avere un impatto molto limitato per la maggior parte dei beneficiari di Medicare. La politica si applica solo a una categoria di farmaci che i pazienti ricevono dai medici in un ufficio o in un ospedale, non ai farmaci che acquistano da soli allo sportello della farmacia. Mentre alcuni anziani finiscono per pagare una quota di tali farmaci, il vasta maggioranza hanno un’assicurazione speciale che li protegge dal costo. Ciò significa che è probabile che i risparmi andranno a vantaggio del governo più dei singoli pazienti. Non avrà alcun effetto sui prezzi pagati dalle persone che ottengono l’assicurazione attraverso il lavoro o acquistano il proprio piano sanitario.

Ma il piano, come scritto, cambierebbe anche il modo in cui vengono pagati i fornitori di servizi sanitari per la somministrazione di quei farmaci, riducendo anche il loro pagamento. Uno sforzo da parte dei funzionari sanitari dell’amministrazione Obama per ridurre tali pagamenti ha dovuto affrontare una forte opposizione da parte dell’industria medica e è stato infine affondato.

“Gli ospedali e i sistemi sanitari americani nutrono profonde preoccupazioni circa la sostanza e la legalità dell’attuale regola finale provvisoria del modello della nazione più favorita”, ha affermato Tom Nickels, vicepresidente esecutivo dell’American Hospital Association, in una dichiarazione.

Il signor Trump ha annunciato altre due importanti politiche sanitarie. Si eliminerebbero gli sconti pagati dalle compagnie farmaceutiche agli acquirenti intermediari, una priorità di Alex M. Azar II, il segretario del Dipartimento della salute e dei servizi umani. Un altro allenterebbe alcune regole anti-tangenti sui rapporti commerciali tra medici e altre imprese, nel tentativo di migliorare la cooperazione tra i diversi attori nella gestione della salute dei pazienti.

Per anni, Il signor Azar ha cercato il completamento della regola dello sconto, ma ha dovuto affrontare l’opposizione della Casa Bianca, incluso Joe Grogan, l’ex capo del Consiglio di politica interna, che ha lavorato in modo aggressivo per uccidere la politica. Mark Meadows, il capo dello staff della Casa Bianca, ha lavorato con il signor Azar quest’anno per rilanciarlo come parte di un pacchetto di iniziative sui prezzi dei farmaci, hanno detto alti funzionari dell’amministrazione.

In una dichiarazione, una portavoce di PhRMA, il principale gruppo commerciale per i produttori di farmaci, non ha detto se l’industria intende intentare un’azione legale contro la regola dei prezzi. “Sfida la logica che l’amministrazione stia procedendo ciecamente con una politica della ‘nazione più favorita’ che dia ai governi stranieri il sopravvento nel decidere il valore dei medicinali negli Stati Uniti”, ha detto Nicole Longo, direttore degli affari pubblici del gruppo, che ha chiamato la politica “illegale”.

La dichiarazione è stata più favorevole alla regola degli sconti, che i produttori di farmaci hanno tendenzialmente sostenuto.

La conferenza stampa di Trump è stata costellata di rimostranze contro l’industria farmaceutica. Si è lamentato di essere stato vittima di “milioni e milioni di dollari in pubblicità” mirate alle sue iniziative sui prezzi dei farmaci. Ha detto che gli americani “sono stati maltrattati dalle grandi aziende farmaceutiche e dal loro esercito di avvocati, lobbisti e politici comprati e pagati”. I funzionari della Casa Bianca sono ancora arrabbiati per il crollo di un accordo con l’industria farmaceutica quest’estate per offrire sconti ai beneficiari di Medicare.

#ultimo #tentativo #Trump #tagliare #prezzi #dei #farmaci #potrebbe #inciampare #tribunale

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *