Una città canadese è una festa ovunque, USA, sullo schermo

Visualizzazioni: 22
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 16 Secondo

“Fatman”, la commedia d’azione di recente uscita con Mel Gibson nei panni di Babbo Natale, è ambientata nei boschi rurali dell’Alaska. “The Christmas Setup” (12 dicembre su Lifetime) si concentra su una storia d’amore in erba tra persone dello stesso sesso tra compagni di scuola superiore riuniti a Milwaukee. La storia di una chiave misteriosa lasciata sulla soglia di casa in “Unlocking Christmas” (13 dicembre su Hallmark) è ambientata da qualche parte negli Stati Uniti.

Ma tutti e tre i film sono stati girati fuori Ottawa nel Almonte, Ontario – una pittoresca città ex mulino di circa 6.000 abitanti situata lungo il fiume Mississippi (versione canadese) e meglio conosciuta come il luogo di nascita di James Naismith, inventore del gioco del basket.

“È la quintessenza delle piccole città americane”, ha spiegato Ainslie S. Wiggs, che, come location manager di Ottawa, ha contribuito a mettere Almonte sul radar di Hollywood contribuendo a portare le riprese del film Lifetime del 2007 “L’House Sitter“, Con Tori Spelling, alla città.

“Ha la strada principale, i bellissimi edifici in pietra e i negozi, l’acqua – tutti gli elementi che uno immagina quando pensa a quella piccola città calda e sfocata che qualcuno ha lasciato per andare nella grande città e torna e si ricollega alle proprie radici ,” lei disse. “Se Norman Rockwell progettasse una piccola città per un film, sarebbe quello che disegnerebbe”.

È uno sfondo adatto per le trame romantiche e sentimentali dei film delle vacanze di Hallmark e Lifetime, e Almonte ha fatto apparizioni in questo genere dal film Up TV del 2016 “L’albero di Natale sul tetto. “

Da allora, altri sette film natalizi sono stati girati ad Almonte, che “può essere interpretato in qualsiasi piccola città in qualsiasi stato degli Stati Uniti”, Caitlin Delaney, che è stata produttrice o responsabile di produzione in molti di quei film, tra cui “The Christmas Setup, “Ha detto, aggiungendo:” È molto anonimo pur essendo estremamente bello. “

Ha detto: “Ogni volta che portiamo un nuovo direttore e direttore della fotografia ad Almonte e camminano per la strada principale, rimangono semplicemente sbalorditi. Ha questo senso di come dovrebbe essere una casa. “

Pat Mills, il regista nato a Ottawa di “The Christmas Setup,”Conosce da tempo il fascino visivo della città.

“Ricordo di essere andato ad Almonte da bambino. Sarebbe un posto dove andare la domenica – solo una graziosa cittadina “, ha detto. “L’architettura è sorprendente; è così cinematografico. “

Per “The Christmas Setup”, Mills ha trovato una casa centenaria in pietra calcarea in stile pan di zenzero di fronte a una chiesa in cima al campanile dall’altra parte della strada. “Non puoi davvero trovarlo in una grande città – questo pittoresco, perfetto, classico quartiere natalizio”, ha detto.

Lo scultore Stephen Brathwaite, che vive nella zona di Almonte, ha contribuito a rendere la città più pronta per le riprese guidando un importante restauro di edifici storici lungo Mill Street nel suo principale quartiere commerciale al dettaglio.

Tuttavia, ha spiegato, l’architettura ricca e varia di Almonte era già il sogno di un cineasta. I negozi, ospitati in edifici storici e palazzi, costruiti dai proprietari di lanifici tessili del XIX secolo (tra cui una casa trasformata in un museo), vengono regolarmente utilizzati come sfondi o per riprese interne. Così è un diner del centro in stile anni ’50.

Almonte si marca da sola “Mini Hollywood North” e vantaggi economici quando le troupe cinematografiche si rivolgono ai commercianti per le location delle riprese o per i beni e servizi, ma ci sono limiti al numero di riprese che la città può ospitare.

Tiffany MacLaren, coordinatrice economica e culturale della comunità per il comune di Mississippi Mills, che include Almonte, aiuta le produzioni con la logistica e ha affermato che l’aumento delle riprese, portando con sé camion e altre attrezzature, ha creato grattacapi per le imprese locali.

“Dobbiamo capire che le persone vivono e lavorano qui”, ha detto MacLaren, il cui figlio diciassettenne, Cameron, fa la sua apparizione nell’ultimo film delle vacanze girato in città, “Sbloccare il Natale. “

“Questa è una vera città, non è solo un set.”

Almontonians Kristi Latham, 47 anni, e sua figlia di 14 anni, Kali, hanno fatto da interpreti in background in “Uomo grasso.“Sono stati reclutati dopo che Latham ha pubblicato un cartello sul suo prato davanti coperto di neve che diceva:” Ehi, Mel! You Can Be My Fatman (Santa) … E noi possiamo essere i tuoi extra. “

“Sono un grande fan di Mel Gibson”, ha detto Latham, che gestisce un salone di parrucchiere a domicilio. “Non ho mai avuto la possibilità di incontrarlo, però.”

Un’altra donna d’affari locale, Inga Jutila, deve ancora essere ripresa. Ma l’eclettico negozio di casa e giardino che gestisce in Mill Street, LG Lee & Sons, è apparso in tre film, tra cui “Unlocking Christmas”, anche se con segni diversi sulla porta.

“So cosa mi trovo quando dico di sì adesso”, ha detto. “Saresti stupito di quello che serve per filmare una piccola scena: il numero di persone, l’attrezzatura, gli oggetti di scena. Prendono il sopravvento, ma sono fantastici e vanno ben oltre per assicurarsi che tutte le tue esigenze siano soddisfatte e con Covid hanno appannato l’intero negozio prima di entrare e prima di andarsene. “

L’esperienza di Almonte ha impressionato alcune delle star del film.

L’attrice vincitrice di Tony ed Emmy Jane Alexander ha trascorso diverse settimane vivendo in un condominio sul lungomare di proprietà di un artista su Mill Street mentre stava girando “Natale dietro l’angolo,“Un film Lifetime del 2018 che utilizzava Almonte come sostituto di una città del Vermont.

Sebbene non avesse mai sentito parlare di Almonte prima delle riprese, Alexander ha detto di “amare la struttura della città” e ha seguito una routine che l’ha portata a fermarsi dal macellaio, dal fornaio, da un negozio di antiquariato e da altre boutique.

Di tutte le location cinematografiche nordamericane in cui è stata negli ultimi 50 anni, Almonte “è in cima alla lista”, ha detto Alexander, che è anche una residente canadese che vive nelle zone rurali della Nuova Scozia.

Per Fran Drescher, una star di “The Christmas Setup”, Almonte ha evocato la sensazione di “un’era passata di piccola comunità”, amplificata quando la neve artificiale e le luci e le decorazioni natalizie sono state aggiunte alla scena che ha girato lì.

“Sembrava qualcosa di Currier & Ives che evoca una sorta di nostalgia che ci ricorda la nostra infanzia, indipendentemente dal fatto che abbiamo vissuto quella vita o meno”, ha detto Drescher, che ha una casa sulla spiaggia a Malibu, in California.

Eppure Mills, il regista di “Christmas Setup”, temeva che la città potesse presto essere “sovra-fotografata, dove tanti film di Hallmark e Lifetime hanno utilizzato la piazza principale”.

Poi di nuovo, dato che Almonte è un sostituto di Milwaukee nel suo film, è “abbastanza sicuro che non stai guardando questi film per la precisione geografica”, ha detto. “Li guardi per sentire una bella coperta calda su di te.”

Tanya Lopez, vicepresidente esecutivo dei film, delle serie limitate e delle acquisizioni di film originali di Lifetime, ha più o meno confermato l’approccio di Mills. Ha detto che l’obiettivo della sua rete era “raccontare storie che siano inclusive e diverse, piuttosto che se abbiamo già visto quel panificio o quel marciapiede ad Almonte”.

Quando una leggera neve è caduta casualmente su una piazza di una città natalizia per le riprese finali di “Unlocking Christmas” all’inizio di questo mese, Jutila di LG Lee & Sons era lì, dall’altra parte della strada nel suo negozio, “guardandola venire insieme” e poi “guardando va via. “

#Una #città #canadese #una #festa #ovunque #USA #sullo #schermo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *