Battle of the Seas: Cruise Lines contro il CDC

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:8 Minuto, 15 Secondo

Negli Stati Uniti i voli si stanno riempiendo, gli hotel vengono prenotati, le case vacanze stanno esaurendo e le società di autonoleggio stanno affrontando una carenza a causa del picco della domanda.

Ma un settore resta fermo: l’industria delle crociere.

Le navi da crociera che salpano dai porti degli Stati Uniti sono attraccate da più di un anno a seguito di una serie di focolai di coronavirus a bordo delle navi all’inizio della pandemia. Ora, le compagnie di crociera possono riavviare le operazioni solo seguendo le regole stabilite dai Centers for Disease Control and Prevention in ottobre.

All’inizio di questo mese, il CDC ha pubblicato una serie di linee guida tecniche aiutare le compagnie di crociera a preparare le loro navi per riprendere a navigare in linea con quelle regole, che erano state stabilite in agenzia Quadro per l’ordine di navigazione condizionale. Ma il Cruise Lines International Association (CLIA), il gruppo commerciale del settore, ha definito le istruzioni “così gravose e ambigue che non è possibile distinguere un percorso chiaro o un calendario chiaro”.

Le compagnie di crociere hanno chiesto all’agenzia di rivedere le sue linee guida per tenere conto del rapido lancio delle vaccinazioni e consentire il riavvio delle crociere negli Stati Uniti a luglio. Ma il CDC non ha ancora fornito una data precisa e, in base alle regole attuali, le navi da crociera devono seguire un processo di mesi che include viaggi di simulazione per testare i loro protocolli di salute e sicurezza, seguito da un periodo di revisione.

“Il settore delle crociere nel suo insieme è molto frustrato”, ha affermato Stewart Chiron, analista del settore crocieristico e amministratore delegato del sito di notizie cruiseguy.com. “I viaggi stanno riprendendo a un livello molto alto. Gli aeroplani e gli hotel sono pieni e nessun settore è più adatto a ripartire delle crociere. Le linee sono preparate, i protocolli di sicurezza sono in atto e ora, con l’elevato livello di distribuzione del vaccino, ritengono che sia un buon momento per riprendere le operazioni “.

In risposta al ritardo delle partenze negli Stati Uniti da parte del CDC, alcune compagnie di crociera stanno spostando le loro navi all’estero per lanciare crociere estive da porti stranieri, compresi i Caraibi e l’Europa, dove possono salpare. Molti dei viaggi richiedono la vaccinazione di passeggeri adulti e membri dell’equipaggio.

Carnevale, la più grande compagnia di crociere del mondo, ha avvertito che potrebbe anche guardare fuori dagli Stati Uniti se il CDC continuerà a impedire alle crociere di navigare sul territorio nazionale.

CLIA dipinge il CDC come un obiettivo ingiusto nel settore e sottolinea l’impatto economico globale della sospensione iniziale delle operazioni di crociera da metà marzo a settembre dello scorso anno, l’ultimo periodo per il quale dispone di statistiche. Il gruppo dice che c’è stata una perdita di $ 50 miliardi di attività economica, 334.000 posti di lavoro e $ 15 miliardi di salari.

Ma gli esperti sanitari notano il numero e la gravità dei focolai sulle navi l’anno scorso quando, ad esempio, più di 700 persone sono state infettate dal virus su la nave da crociera Diamond Princess in Giappone e 14 persone sono morte. “Il CDC vuole evitare che le persone si ammalino e le compagnie di crociera vogliono tornare al lavoro e iniziare a fare soldi”, ha detto Tara Kirk Sell, assistente professore presso il Centro Johns Hopkins per la sicurezza sanitaria. “Quindi ci sarà una disconnessione e una tensione centrali lì mentre ci facciamo strada attraverso questa pandemia, che non è ancora finita, e stiamo ancora cercando di capire.”

Lo stato della Florida ospita PortMiami, il porto crocieristico più trafficato del mondo, e probabilmente ha più da perdere se le compagnie di crociera spostano più partenze verso i vicini Caraibi.

All’inizio di questo mese, i senatori Rick Scott e Marco Rubio della Florida (entrambi repubblicani), insieme al senatore Dan Sullivan dell’Alaska (anche loro repubblicano), hanno introdotto il Proposta di legge sul Cruise Act che, se approvato, revocherebbe il Conditional Sail Order dell’agenzia e richiederebbe l’emissione di nuove linee guida per riavviare le crociere negli Stati Uniti. (A causa di una stranezza del diritto marittimo, diverse importanti compagnie di crociera hanno cancellato tutte le partenze del 2021 per l’Alaska.)

“Con il modo in cui sta andando, sembra che il CDC non voglia che l’industria delle crociere sia in affari perché non sta stabilendo le regole in un modo che l’industria delle crociere ritiene di poter rispettare e tornare al lavoro in sicurezza”, Senatore Scott ha detto in un’intervista telefonica.

“Le compagnie di crociera vogliono chiaramente che i loro passeggeri e dipendenti siano al sicuro”, ha continuato. “Hanno lavorato tutto l’anno per preparare le loro navi, ma è stato molto difficile lavorare con il CDC e se non vogliono aiutare, ci assicureremo che lo facciano perché stiamo per approvare questa legislazione”.

Lo stato della Florida sì ha citato in giudizio il governo federale richiedere alle navi da crociera di iniziare a navigare immediatamente.

Il governatore Ron DeSantis, anche lui repubblicano, ha sostenuto che il divieto di crociera ha avuto un impatto sproporzionato sull’economia dello stato; le crociere generano solitamente miliardi di dollari dai milioni di passeggeri che ogni anno transitano nei porti della Florida.

“Le persone andranno in crociera in un modo o nell’altro. La domanda è: lo faremo fuori dalla Florida, che è il posto numero uno al mondo per farlo, o lo faranno fuori dalle Bahamas o da altre località? ” Il governatore DeSantis ha detto, parlando in una recente conferenza stampa a PortMiami.

La signora Sell ha detto che pensa che l’approccio graduale del CDC, in cui i protocolli di sicurezza vengono testati prima che i passeggeri possano rientrare a bordo, sia quello giusto.

“Le crociere hanno avuto per molto tempo un potenziale di super diffusione di malattie che includono Covid perché le persone sono spesso a distanza ravvicinata”, ha detto. “Non sto dicendo che non potresti mai più fare crociere, ma che deve solo essere qualcosa in cui devi risolvere tutti i requisiti.”

La signora Sell e altri esperti sanitari affermano che richiedere a tutti a bordo di essere vaccinati contro il coronavirus è uno dei modi migliori per prevenire le epidemie. Diverse compagnie di crociera hanno reso le vaccinazioni un requisito per le piccole crociere fluviali negli Stati Uniti e le crociere straniere.

Ma mentre il governatore DeSantis sta sostenendo il riavvio delle crociere, ha anche emesso un ordine esecutivo che vieta alle aziende della Florida di richiedere la prova della vaccinazione alle persone che cercano di utilizzare i loro servizi. L’ufficio del governatore ha affermato che l’ordine vieta a tutte le compagnie di crociera di richiedere certificati di vaccinazione per le loro operazioni in Florida.

Il CDC ha raccomandato le vaccinazioni nella sua ultima guida tecnica, ma si è fermato prima di renderle un requisito, evitando un conflitto con la Florida.

La richiesta di vaccinazioni fa appello almeno ad alcuni aspiranti incrociatori. “Sono davvero entusiasta di tornare in crociera, ma non credo che potrei rilassarmi completamente e godermela se tutti a bordo non fossero stati vaccinati”, ha detto Molly Osborne, un avido incrociatore con sede nel sud della Florida. “Sarebbe un vero peccato se dovessimo recarci in altri porti degli Stati Uniti per salire su una nave. La Florida è la capitale mondiale delle crociere “.

Tuttavia, la signora Osborne ha detto che è disponibile a viaggiare all’estero per fare una crociera se il CDC non revoca il divieto entro l’autunno. “Non ho ancora prenotato nulla mentre aspetto di vedere cosa succede, ma se l’unico modo per andare quest’anno è dai Caraibi, probabilmente lo farò”.

Gli esperti del CDC e del personale della Casa Bianca hanno incontrato i dirigenti della compagnia di crociere e i leader del settore la scorsa settimana per discutere i dettagli del Conditional Sailing Order.

“L’obiettivo degli incontri è quello di rivedere reciprocamente le principali questioni prioritarie del settore delle crociere per elaborare i dettagli di implementazione del CSO, compreso l’impatto dei vaccini e altri sviluppi scientifici da quando il CSO è stato pubblicato nell’ottobre 2020”, ha detto l’agenzia in una dichiarazione. “Questo obiettivo è in linea con il desiderio per la ripresa delle operazioni passeggeri negli Stati Uniti entro la metà dell’estate, espresso da molti dei principali operatori di navi da crociera e viaggiatori”.

Nel frattempo, le compagnie di crociera si stanno concentrando sul lancio di crociere estive all’estero in Europa, Asia e Caraibi. MSC Crociere, il quarto operatore del settore, ha annunciato giovedì che avrebbe cancellato tutte le crociere negli Stati Uniti fino al 30 giugno e prevede invece di avere almeno 10 navi in ​​partenza dall’Europa e dal Mediterraneo entro agosto. Royal Caribbean, la seconda per numero di passeggeri, sta salpando dalle Bahamas e dalle Bermuda, tra gli altri luoghi, e richiede vaccinazioni per tutto l’equipaggio e i passeggeri.

Prima che i vaccini venissero ampiamente distribuiti, le compagnie di crociere operanti in Europa segnalavano a bordo alcune infezioni da Covid, ma affermano che i casi erano stati portati sotto controllo utilizzando rigorosi protocolli di salute e sicurezza, che hanno prevenuto eventuali focolai più grandi.

I CDC la consulenza relativa ai viaggi in crociera rimane a livello 4, il più alto e l’agenzia raccomanda a tutte le persone di evitare di viaggiare su navi da crociera, comprese le crociere fluviali, in tutto il mondo.

Questo perché la possibilità di ottenere il Covid-19 sulle navi da crociera è alta poiché il virus sembra diffondersi più facilmente tra le persone che si trovano a bordo di navi ravvicinate “, dice l’avvertimento.


Segui New York Times Travel sopra Instagram, Twitter e Facebook. E iscriviti alla nostra newsletter settimanale di Travel Dispatch per ricevere consigli di esperti su come viaggiare in modo più intelligente e ispirazione per la tua prossima vacanza. Stai sognando una fuga futura o semplicemente un viaggio in poltrona? Dai un’occhiata al nostro Elenco dei 52 luoghi per il 2021.



#Battle #Seas #Cruise #Lines #contro #CDC

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *