Come perdere un animale domestico può renderti più forte

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 49 Secondo

Gli animali domestici occupano un ruolo unico nelle nostre vite. “Di solito sono i nostri ‘coinquilini’, parte della famiglia, e sono tipicamente una fonte di puro calore ed esperienza positiva”, ha detto la signora Harvey. “Il modo in cui siamo in grado di gestire la riduzione temporanea della gioia e del calore del compagno di stanza scomparso può essere una pratica significativa nella resilienza”.

Quella perdita, ovviamente, può avere una profondità sorprendente. “Per gli adulti tra i 20 ei 30 anni è come perdere la loro innocenza come un nuovo adulto ed essere catapultati nella realtà”, ha detto Dani McVety, veterinario e fondatore di Giro d’Amore Veterinary Hospice, una rete nazionale di veterinari dedicata esclusivamente alle cure di fine vita. “Molte volte, le persone in questa fascia di età hanno preso il loro cane o gatto all’inizio della loro età adulta. Questo animale domestico li ha visti passare al college, fidanzati o fidanzate, matrimoni, figli, sviluppi di carriera e così via. Questo animale domestico è stato l’unica costante nella loro vita durante i loro più grandi anni di crescita. “

Il modo in cui gestiamo la morte di un animale domestico “plasma il modo in cui affrontiamo l’amore e la perdita, le emozioni congiunte”, ha detto Kaleel Sakakeeny, una perdita di animali domestici e il lutto consulente che ha sede a Boston.

Ma come avviene questa crescita? Uno studia, “Crescita post-traumatica in seguito alla perdita di un animale domestico”, condotto da Wendy Packman e altri, della Pacific Graduate School of Psychology presso la Palo Alto University, ha scoperto che dopo aver perso un amato animale domestico, molti dei partecipanti hanno riportato verso gli altri e provare empatia per i loro problemi, un maggiore senso di forza personale e un maggiore apprezzamento della vita.

Lynn Harrington, che vive a The Plains, Virginia, ha perso il suo Norwich terrier di 15 anni, Hap, circa un anno fa. “Per molti mesi, non sono riuscita a scrollarmi di dosso la tristezza”, ha detto la signora Harrington. “E durante questi tempi tristi, ho finalmente ricordato una lezione che ho imparato molti anni fa con la perdita del mio primo cane: gli animali che entrano nelle nostre vite ci sono doni e non possono mai essere sostituiti. Tuttavia, un altro animale può venire da noi e aiutarci a guarire i nostri cuori “.

Poco dopo quell’epifania, un amico le parlò di un cane anziano che aveva bisogno di una casa e fu fatto un abbinamento. “Non c’è giorno in cui non penso ad Hap attraverso una foto, un ricordo condiviso, o anche qualche buffo manierismo che vedo di lui nel mio cane da salvataggio”, ha detto la signora Harrington. “Questi momenti mi ricordano che sono grato per gli animali della mia vita – mi insegnano l’amore e che sono resiliente anche nei momenti di grande sfida o tristezza.”

Il ricordo stesso – anche se foto e memoriali – può essere curativo. “Il dolore è in corso”, ha detto la signora Packman. “Rimanere in contatto con il tuo amato animale domestico dopo la morte può facilitare la capacità del lutto di far fronte alla perdita e ai cambiamenti che lo accompagnano nella loro vita. I nostri risultati suggeriscono che coloro che traggono conforto da legami continui – trattenere beni e creare memoriali per il loro animale domestico – potrebbero avere maggiori probabilità di sperimentare una crescita post-traumatica “.

#perdere #animale #domestico #può #renderti #più #forte

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *