Covid-19 minaccia le persone con sfide intellettuali e di sviluppo

Visualizzazioni: 18
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 45 Secondo

Nel complesso, il tasso di mortalità tra tutti i pazienti con Covid-19 è stato dello 0,6%. Al contrario, l’1,22% di quelli con disturbi dello sviluppo e Covid-19 è morto, così come il 3,37% di quelli con disabilità intellettiva.

Oltre all’alto rischio per le persone con disturbi dello sviluppo, cancro ai polmoni e disabilità intellettiva, le persone con spina bifida e altre anomalie del sistema nervoso avevano il doppio delle probabilità di morire di Covid-19. Così erano i pazienti con leucemia e linfoma.

Anche la malattia renale cronica, il morbo di Alzheimer, il cancro del colon-retto, i disturbi della mobilità, l’epilessia, l’insufficienza cardiaca, le lesioni del midollo spinale e le malattie del fegato sono stati associati ad un aumentato rischio di morte.

Il rapporto non è il primo a evidenziare i rischi unici che gli individui con disturbi dello sviluppo e disabilità intellettive affrontano nella pandemia. Gli scienziati della Syracuse University hanno riferito a giugno che le persone con queste disabilità che vivevano in case famiglia nello Stato di New York aveva tassi molto più alti di Covid-19, rispetto ad altri residenti dello stato e che anche il loro rischio di morte era notevolmente più alto.

La popolazione è particolarmente vulnerabile per diversi motivi. Molti vivono in case famiglia o ricevono cure da assistenti, terapisti o insegnanti che devono mantenere una stretta vicinanza fisica per assisterli. Tra il 16 e il 20 percento vive in contesti congregati, rispetto al solo 6 percento degli anziani, ha detto Scott Landes, professore associato di sociologia alla Syracuse University e autore di quello studio.

Molti sono fragili dal punto di vista medico per cominciare, con alti tassi di condizioni di salute sottostanti, in particolare problemi respiratori. Ciò li rende suscettibili alla polmonite, aumentando il rischio di malattie gravi se vengono infettati da Covid.

Gli individui con sindrome di Down hanno maggiori probabilità di avere difetti cardiaci congeniti; possono avere meno tono muscolare intorno al collo e una lingua più grande, aumentando il rischio di soffocamento frequente e di sviluppare infezioni polmonari.

#Covid19 #minaccia #persone #con #sfide #intellettuali #sviluppo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *