Detenuti vulnerabili lasciati in prigione come Covid infuria

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 40 Secondo

Un’infermiera gli ha detto che era “probabilmente l’influenza” e il signor Heim non è stato visto da un medico o testato per il coronavirus fino al 4 dicembre. Quando il signor Heim, che ha una malattia polmonare cronica, è stato trovato infettato e in isolamento, ha detto al personale che non poteva respirare.

“Hanno detto che non c’era niente che potessero fare per me”, ha detto in una dichiarazione alla corte. “I primi quattro giorni in cui sono stato in isolamento, sono rimasto sdraiato lì pensando che sarei morto.” È rimasto lì per 20 giorni, durante i quali è stato visto solo tre volte da un medico, ha detto.

L’isolamento è fondamentale per frenare la diffusione delle infezioni, ma quasi un anno intero dopo l’inizio della pandemia, la prigione non disponeva di quartieri di isolamento adeguati preparati per le donne che erano state infettate.

A dicembre, quando dozzine di donne sono risultate positive al test, sono state ospitate in alloggi di fortuna nelle stanze di visita delle carceri, secondo i resoconti di sette detenute fornite attraverso dichiarazioni scritte del tribunale e interviste telefoniche.

Le stanze non avevano letti, solo rudimentali servizi igienici e niente docce. (Alla fine furono installate docce temporanee.) Le donne furono spostate frettolosamente; molti hanno detto di non avere il tempo di mettere in valigia oggetti importanti come farmaci, inalatori per l’asma e prodotti per l’igiene femminile. Molti hanno detto di essere rimasti senza le loro prescrizioni per giorni.

All’arrivo, alle donne infette portate nella stanza delle visite del carcere maschile, alcune delle quali visibilmente malate, è stato detto di montare delle culle di metallo su cui dormire. All’inizio i materassi non erano disponibili e la biancheria da letto era scarsa, secondo numerosi resoconti. La stanza era fredda, soprattutto di notte.

“Stavo congelando, in realtà, e non volevano darci coperte extra”, ha detto Stacy Spagnardi, 53 anni, a cui è stato recentemente concesso il confino domiciliare. Sta scontando una pena per evasione fiscale e frode assicurativa.

#Detenuti #vulnerabili #lasciati #prigione #Covid #infuria

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *