Gli Stati Uniti e Novavax aiuteranno la campagna globale di vaccinazione

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 51 Secondo

WASHINGTON – Uno sforzo internazionale per accelerare la produzione e la distribuzione di vaccini contro il coronavirus in tutto il mondo ha avuto un aumento giovedì su due fronti: i funzionari della Casa Bianca hanno affermato che l’amministrazione Biden manterrebbe la promessa degli Stati Uniti di donare 4 miliardi di dollari alla campagna in due anni e l’azienda farmaceutica Novavax si è impegnato a donare alla fine 1,1 miliardi di dosi del suo vaccino.

Il presidente Biden farà il suo annuncio venerdì durante un incontro virtuale con altri leader del Gruppo dei 7, dove dovrebbe anche invitare altri paesi a intensificare i loro contributi. I 4 miliardi di dollari sono stati approvati lo scorso anno da una Camera a guida democratica e da un Senato guidato dai repubblicani quando il presidente Donald J. Trump era in carica.

Gli esperti di sanità pubblica dicono spesso che a meno che non tutti siano vaccinati, è come se nessuno fosse vaccinato. Uno dei funzionari, che ha parlato in modo anonimo per anticipare l’annuncio del presidente, ha affermato che è anche nell’interesse della sicurezza internazionale che gli Stati Uniti aiutino con gli sforzi all’estero per ridurre gli effetti della pandemia.

Paesi come l’India e la Cina lo sono già utilizzando il vaccino contro il coronavirus come strumento diplomatico; entrambi stanno distribuendo dosi ad altre nazioni nel tentativo di espandere la loro influenza globale. Esperti di sicurezza nazionale hanno affermato che gli Stati Uniti dovrebbero considerare di fare lo stesso.

“Potremmo usare il vaccino a livello internazionale per rafforzare le nostre relazioni con gli alleati, per stabilire potenzialmente una cooperazione positiva con la Cina, per affrontare le questioni umanitarie nelle parti meno sviluppate del globo”, Richard J. Danzig, che era il segretario della Marina Il presidente Bill Clinton, ha detto in un’intervista alla fine dell’anno scorso, lamentando l’indifferenza dell’amministrazione Trump per l’idea. Un tale sforzo, ha detto, “potrebbe darci un vantaggio sostanziale per la sicurezza nazionale”.

La Casa Bianca di Biden sembra andare in quella direzione. Dopo essere entrato in carica, il signor Biden ha ordinato alle agenzie federali di elaborare “un quadro per la donazione di vaccini in eccesso, una volta che ci sarà una fornitura sufficiente negli Stati Uniti, ai paesi bisognosi”, anche attraverso il programma internazionale.

Ma, ha detto un funzionario giovedì, gli Stati Uniti non condivideranno i vaccini ora, mentre la campagna di vaccinazione domestica è in espansione.

L’amministrazione si è assicurata 600 milioni di dosi dei due vaccini che hanno l’autorizzazione di emergenza, sufficienti per 300 milioni di americani. Quelle dosi dovrebbero essere disponibili entro la fine dell’estate, e Biden ha detto questa settimana che i vaccini saranno disponibili per ogni americano entro la fine di luglio. Se vengono approvati vaccini aggiuntivi, come è molto probabile, ciò si aggiungerebbe alla fornitura degli Stati Uniti.

Lo sforzo internazionale sul vaccino, noto come Covax, è stato guidato dalla partnership sanitaria pubblica-privata nota come Gavi, la Vaccine Alliance, così come la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations e l’Organizzazione mondiale della sanità. Ha lo scopo di distribuire vaccini ritenuti sicuri ed efficaci dall’OMS, con un’enfasi sui paesi a basso e medio reddito.

I funzionari della Casa Bianca hanno detto che il denaro sarebbe stato consegnato in più tranche: una donazione iniziale di $ 500 milioni immediatamente, seguita a breve da altri $ 1,5 miliardi. I restanti 2 miliardi di dollari verranno consegnati entro la fine del 2022.

L’impegno del presidente nella lotta globale contro la pandemia è in netto contrasto con l’approccio di Trump, che si è ritirato dall’Organizzazione mondiale della sanità e disdegnava l’assistenza estera, perseguendo una politica estera che chiamava “America First”. Il signor Biden è rientrato nell’Organizzazione mondiale della sanità subito dopo l’insediamento in gennaio.

Uno dei funzionari ha detto che il signor Biden avrebbe invitato altre nazioni a fare impegni significativi a Covax.

Finora, gli Stati Uniti si sono impegnati più di ogni altra nazione, secondo la Casa Bianca; Il funzionario ha detto che l’obiettivo era di sfruttare la seconda tranche di $ 2 miliardi fino a $ 15 miliardi – l’importo che l’amministrazione ritiene necessario per aumentare la fornitura di vaccini in tutto il mondo e per distribuirlo.

Coloro che hanno guidato lo sforzo Covax hanno accolto con entusiasmo l’annuncio di Novavax. Il dottor Seth Berkley, amministratore delegato di Gavi, ha dichiarato in una dichiarazione che la donazione aiuterebbe la campagna a “avvicinarsi al nostro obiettivo di fornire due miliardi di dosi nel 2021”. Ha detto che amplierà anche la gamma di vaccini su cui può fare affidamento per “costruire un portafoglio adatto a tutti gli ambienti e contesti”.

#Gli #Stati #Uniti #Novavax #aiuteranno #campagna #globale #vaccinazione

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *