Il CDC e l’NIH lanciano un’iniziativa di test rapidi a domicilio nel Tennessee e nella Carolina del Nord.

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 3 Secondo

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e il National Institutes of Health ha annunciato una nuova iniziativa mercoledì per aiutare a determinare se l’uso frequente e diffuso di test rapidi per il coronavirus rallenta la diffusione del virus.

Il programma metterà gratuitamente a disposizione di tutti i residenti di due comunità, Pitt County, NC e Hamilton County, Tennessee, test rapidi dell’antigene a domicilio, sufficienti per consentire a un totale di 160.000 persone di testare se stessi per il coronavirus tre volte alla settimana per un mese.

“Questo sforzo è esattamente ciò che io e altri chiediamo da quasi un anno: test rapidi diffusi e accessibili per aiutare a frenare la trasmissione”, ha affermato Michael Mina, un epidemiologo dell’Università di Harvard che è stato un sostenitore vocale dei test rapidi a casa programmi.

Ha aggiunto: “Dedicare 30 secondi alla tua giornata tre volte a settimana per eseguire il test è qualcosa che chiunque può fare”.

I test dell’antigene sono più economici e veloci dei test PCR, che sono il gold standard per la diagnosi del Covid-19, la malattia causata dal virus, ma sono meno sensibili e più inclini a falsi negativi. I modelli matematici hanno suggerito che se questi test vengono utilizzati frequentemente, possono comunque ridurre la trasmissione del virus.

I test possono aiutare a identificare le persone che potrebbero non rendersi conto di essere infettive, spingendole ad autoisolarsi prima di essere in grado di trasmettere il virus ad altri. Ma i dati del mondo reale sono stati limitati e con i numeri di casi di virus ancora elevati in tutto il paese, i test rimangono essenziali, dicono gli esperti di salute pubblica.

“Abbiamo tutti ipotizzato che i test a casa, su larga scala, potrebbero fermare la catena di trasmissione del virus e consentire alle comunità di scoprire molti più casi”, ha detto Bruce Tromberg, che dirige l’Istituto nazionale di imaging biomedico e bioingegneria e ne guida la rapida accelerazione del programma di diagnostica, che fornisce i test per l’iniziativa. “Tutti i modelli matematici lo prevedono. Ma questo è un mondo reale, un esempio di vita reale “.

I residenti che decidono di partecipare al programma possono farsi consegnare i test a domicilio o ritirarli presso i siti di distribuzione locali. Uno strumento online guiderà i partecipanti attraverso il processo di test e li aiuterà a interpretare i loro risultati. I residenti possono anche offrirsi volontari per completare sondaggi che valuteranno se test frequenti hanno modificato il loro comportamento, la conoscenza del Covid-19 o le opinioni sulla vaccinazione.

I ricercatori dell’Università della Carolina del Nord e della Duke University confronteranno i tassi di positività del test, casi e ospedalizzazione in queste due comunità con quelli di altre comunità simili che non partecipano al programma.

A. David Paltiel, professore di politica sanitaria e gestione presso la Yale School of Public Health, ha definito il lancio di uno studio nel mondo reale sull’efficacia dello screening rapido a domicilio “solo una grande notizia”. Ma ha avvertito che i risultati dovranno essere interpretati con attenzione, soprattutto se i residenti che scelgono di partecipare all’iniziativa non sono rappresentativi della comunità in generale.

“Sappiamo che l’auto-selezione tende a far emergere le persone preoccupate e un numero sproporzionato di persone che sono già coscienti di Covid o coscienziose”, ha detto.

“Sarà fantastico vedere come funziona quando è nelle mani di persone a cui importa davvero”, ha aggiunto. Ma, ha detto, i risultati potrebbero non essere ampiamente applicabili ai programmi di screening in cui la partecipazione è obbligatoria, come potrebbe essere il caso di alcuni programmi scolastici e sul posto di lavoro.

#CDC #lNIH #lanciano #uniniziativa #test #rapidi #domicilio #nel #Tennessee #nella #Carolina #del #Nord

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *