La variante Covid più contagiosa è ora dominante negli Stati Uniti, afferma CDC

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 48 Secondo

WASHINGTON – Una variante altamente infettiva del coronavirus identificata per la prima volta in Gran Bretagna è diventata la fonte più comune di nuove infezioni negli Stati Uniti, ha detto mercoledì il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention. Lo sviluppo preoccupante arriva quando funzionari e scienziati avvertono di un possibile quarta ondata di infezioni.

Funzionari sanitari federali hanno detto a gennaio che il Variante B.1.1.7, che ha avuto inizio in aumento in Gran Bretagna in dicembre e da allora ha colpito l’Europa, potrebbe diventare la principale fonte di infezioni da coronavirus negli Stati Uniti, portando a un enorme aumento dei casi e dei decessi.

A quel punto, nuovi casi, ricoveri e decessi erano ai massimi storici. Da quel picco, i numeri sono tutti diminuiti fino alla fine di febbraio, secondo un database del New York Times. Dopo diverse settimane su un plateau, i nuovi casi e i ricoveri sono di nuovo in aumento. Il numero medio di nuovi casi nel paese ha raggiunto quasi 65.000 al giorno a partire da martedì, concentrato principalmente nelle aree metropolitane del Michigan così come nella regione di New York City. Questo è un aumento di 19 percento rispetto alla cifra di due settimane fa.

La dottoressa Rochelle Walensky, la direttrice del CDC, che ha avvertito la scorsa settimana di provare una sensazione ricorrente di “destino imminente“, Ha dichiarato mercoledì che 52 delle 64 giurisdizioni dell’agenzia – che includono stati, alcune grandi città e territori – stanno ora segnalando casi di queste cosiddette “varianti di preoccupazione”, compreso B.1.1.7.

Il numero di morti, tuttavia, continua a diminuire, un segno potenzialmente che le vaccinazioni di massa stanno iniziando a proteggere gli americani più anziani e altre popolazioni altamente vulnerabili.

“Queste tendenze indicano due chiare verità”, ha detto il dottor Walensky. “Primo, il virus ha ancora presa su di noi, infettando le persone e mettendole in pericolo, e dobbiamo rimanere vigili. E due, dobbiamo continuare ad accelerare i nostri sforzi di vaccinazione e assumerci la responsabilità individuale di vaccinarci quando possiamo “.

B.1.1.7, la prima variante che è stata oggetto di ampia attenzione, riguarda Il 60 percento più contagioso e 67 per cento Di più mortale rispetto alla forma originale del coronavirus, secondo le stime più recenti. Il CDC ha anche monitorato la diffusione di altre varianti, come B.1.351, trovata per la prima volta in Sud Africa, e P.1, che è stata identificata per la prima volta in Brasile.

La percentuale di casi causati da varianti è chiaramente in aumento. Helix, una società di test di laboratorio, ha monitorato l’inesorabile aumento di B.1.1.7 dall’inizio dell’anno. A partire dal 3 aprile, esso stimato che la variante costituiva il 58,9 percento di tutti i nuovi test.

Quella variante è risultata essere prevalente in Michigan, Florida, Colorado, California, Minnesota e Massachusetts, Secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie Fino a poco tempo, il aumento della variante è stato in qualche modo camuffato dal calo dei tassi di infezione in generale, portando alcuni leader politici ad allentare le restrizioni sui pasti al coperto, le distanze sociali e altre misure.

Quando i casi caddero, gli americani irrequieti tornarono a scuola e al lavoro, contro gli avvertimenti di alcuni scienziati.

I funzionari sanitari federali stanno monitorando i rapporti di casi in aumento associati a centri diurni e sport giovanili, e gli ospedali stanno vedendo più giovani adulti – persone tra i 30 ei 40 anni che sono ammesse con “malattia grave”, ha detto il dottor Walensky.

È difficile per gli scienziati dire esattamente quanto siano gli attuali modelli di infezione a causa della crescente frequenza di B.1.1.7.

“È confuso dalla riapertura in corso e dai cambiamenti nel comportamento”, ha detto il dottor Adam Lauring, virologo presso l’Università del Michigan.

Ma ha notato che le persone stavano diventando meno caute in un momento in cui avrebbero dovuto alzare la guardia contro una variante più contagiosa. “È preoccupante”, ha detto.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sono attualmente vaccinando una media di circa tre milioni di persone al giornoe gli stati si sono affrettati a rendere idonei tutti gli adulti. Il CDC ha riferito martedì che circa 108,3 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose di un vaccino Covid-19, di cui circa 64,4 milioni di persone che sono state completamente vaccinate. Il New Mexico, il South Dakota, il Rhode Island e l’Alaska sono in testa agli stati, con circa il 25% delle loro popolazioni totali completamente vaccinate.

Gli scienziati sperano che la vaccinazione attenuerà qualsiasi potenziale quarto aumento.

Il martedì, Il presidente Biden ha aumentato il suo calendario delle vaccinazioni entro due settimane, chiedendo agli stati di rendere idoneo ogni adulto americano entro il 19 aprile. Tutti gli stati hanno già raggiunto o si aspettano di superare questo obiettivo dopo che lui aveva inizialmente chiesto di farlo entro il 1 maggio.

La variante B.1.1.7 è arrivata per la prima volta negli Stati Uniti l’anno scorso. A febbraio, uno studio che ha analizzato mezzo milione di test sul coronavirus e centinaia di genomi prevedeva che questa variante potrebbe diventare predominante nel paese in un mese. A quel tempo, il CDC stava lottando per farlo sequenza le nuove varianti, il che ha reso difficile rintracciarli.

Ma questi sforzi sono notevolmente migliorati nelle ultime settimane e continueranno a crescere, in gran parte a causa di 1,75 miliardi di dollari fondi per il sequenziamento genomico nel pacchetto di stimolo che il signor Biden ha firmato la legge il mese scorso. Al contrario, la Gran Bretagna, che ha un sistema sanitario più centralizzato, ha avviato l’anno scorso un programma di sequenziamento altamente promosso che le ha permesso di monitorare la diffusione della variante B.1.1.7.

“Sapevamo che sarebbe successo: questa variante è molto più trasmissibile, molto più contagiosa del ceppo genitore e questo ovviamente ha delle implicazioni”, ha detto il dottor Carlos del Rio, professore di medicina ed esperto di malattie infettive all’Emory Università. Oltre a diffondersi in modo più efficiente, ha detto, il ceppo B.1.1.7 sembra causare una malattia più grave, “quindi questo ti dà un doppio smacco”.

Forse ancora più preoccupante è l’emergere del virulento Variante P.1 in Nord America. Identificato per la prima volta in Brasile, è diventato la variante dominante in quel paese, contribuendo a guidarlo ospedali fino al punto di rottura. In Canada, la variante P.1 è emerso come un cluster in Ontario, quindi chiudere la stazione sciistica di Whistler nella Columbia Britannica. Mercoledì, la National Hockey League’s Vancouver Canucks ha detto che almeno 21 giocatori e quattro membri del personale erano stati infettati dal coronavirus.

“Questo è un duro promemoria della velocità con cui il virus può diffondersi e del suo grave impatto, anche tra i giovani atleti sani”, ha detto in un comunicato il medico della squadra, Jim Bovard.

#variante #Covid #più #contagiosa #ora #dominante #negli #Stati #Uniti #afferma #CDC

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *