Non esiste un trattamento “taglia unica” per l’asma

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 40 Secondo

Ad esempio, il dottor Wechsler ha detto: “Anche ciò che viene utilizzato per pulire può essere irritante per una persona con asma”.

Per alcune persone con asma, un’infezione virale, come l’influenza o il comune raffreddore, o l’uso di farmaci come l’aspirina, un Nsaid o un beta-bloccante, può aumentare l’infiammazione delle vie aeree e provocare respiro affannoso. Altri ancora sperimentano vie aeree ristrette quando si allenano, specialmente quando fa freddo.

Anche emozioni forti, come paura, rabbia, eccitazione o risate e improvvisi cambiamenti del tempo sono problemi per alcune persone con asma.

Sebbene diverse persone che conosco con asma temessero di essere particolarmente suscettibili a contrarre Covid-19 e ammalarsi gravemente, le prove non hanno mostrato un aumento del rischio né di contrarre il coronavirus né di sviluppare un’infezione peggiore se lo avessero fatto, ha detto il dottor Wechsler. In effetti, ha aggiunto, “il trattamento dell’asma può anche proteggere contro Covid”.

I ricercatori ora riconoscono che l’evento scatenante di un attacco d’asma può avere manifestazioni diverse all’interno delle vie aeree e quindi rispondere meglio a trattamenti diversi. Come ha spiegato il dottor Cloutier, nell’asma allergico, le cellule infiammatorie chiamate eosinofili si raccolgono nelle vie aeree, ma quando un’infezione virale innesca l’infiammazione, le cellule chiamate neutrofili vengono rilasciate, garantendo un trattamento diverso.

Le nuove linee guida evidenziano il valore di una misura chiamata FENO che sta per ossido nitrico espirato frazionato, un biomarcatore descritto come utile per diagnosticare correttamente e trattare adeguatamente l’asma in diversi pazienti. Per i bambini dai 5 anni in su, una misurazione dell’ossido nitrico può aiutare a confermare la diagnosi di asma e valutare l’efficacia del trattamento.

Sebbene le linee guida non forniscano regole rigide, offrono preziosi suggerimenti per il trattamento quando i rimedi attualmente utilizzati non danno il miglior sollievo possibile. Ad esempio, il pannello ha affermato in modo inequivocabile che il rivestimento di materassi e cuscini in coperture antiallergiche non è di per sé un rimedio adeguato per chi è allergico agli acari della polvere.

#esiste #trattamento #taglia #unica #lasma

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *