Ricercatore dell’OMS nel suo viaggio in Cina alla ricerca delle origini dei virus

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 19 Secondo

E i casi che sono comparsi prima dello scoppio nel mercato del pesce?

C’era un’altra diffusione in corso fuori dal mercato di Huanan. Ci sono altri pazienti che non hanno legami con il mercato, parecchi a dicembre. C’erano altri mercati. E sappiamo che alcuni dei pazienti avevano legami con altri mercati. Dobbiamo fare un altro lavoro, e poi i colleghi cinesi devono fare un altro lavoro.

Quando ci siamo seduti come gruppo, il team cinese e il team dell’OMS l’ultimo giorno intero di lavoro, e abbiamo detto: “Esaminiamo le ipotesi”, quello che ha ricevuto il sostegno più entusiasta è stato questo percorso: la fauna selvatica, attraverso un collegamento alla fauna selvatica addomesticata, a Wuhan.

Qual’è il prossimo passo?

Per la catena degli animali, è semplice. I fornitori sono noti. Conoscono il nome della fattoria; conoscono il proprietario della fattoria. Devi andare alla fattoria e intervistare l’agricoltore e la famiglia. Devi testarli. Devi mettere alla prova la comunità. Devi andare a vedere se ci sono animali rimasti nelle fattorie vicine e vedere se hanno prove di infezione e vedere se ci sono movimenti transfrontalieri. Se il virus si trova in quegli stati di confine meridionali, è possibile che ci sia stato qualche movimento nei paesi vicini come Vietnam, Laos o Myanmar. Stiamo trovando sempre più virus correlati ora. Ce n’è uno in Giappone e uno in Cambogia, uno in Thailandia.

Per il lato umano, cerca i casi precedenti, i cluster; cercare il siero nelle banche del sangue, se possibile. Qualcosa di simile sarà sensibile in Cina, e ci vorrà un po ‘di persuasione, diplomazia ed energia per farlo perché, ad essere onesti, cercare la fonte di questo virus in Cina non è una grande, alta priorità. pensa per il governo cinese. Ovunque sia dimostrato che questo virus emerge è una questione politica. Questo è uno dei problemi, ed è chiaro e ovvio per chiunque lo abbia esaminato.

Hai un animale in particolare che sospetti in questo momento come anello intermedio, più fortemente di altri?

È troppo alto nell’aria. Non sappiamo se gli zibetti fossero in vendita. Sappiamo che si infettano molto facilmente. Non sappiamo quale sia la situazione con gli allevamenti di visoni in Cina o gli altri allevamenti di animali da pelliccia, come i cani procione, anche se normalmente vengono allevati in una parte diversa della Cina. Anche questo deve essere seguito.

Ma se dovessi dire su quale percorso daresti più peso, penso che il virus che sta emergendo nel sud-est asiatico o nella Cina meridionale dai pipistrelli, entrando in una fattoria della fauna selvatica addomesticata. Sono stato in molti di questi e spesso hanno specie miste: zibetti, tassi furetto, cani procione. Quegli animali sarebbero in grado di essere infettati dai pipistrelli.

#Ricercatore #dellOMS #nel #suo #viaggio #Cina #alla #ricerca #delle #origini #dei #virus

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *