Rosalind Cartwright, psicologa e “Queen of Dreams”, muore a 98 anni

Visualizzazioni: 9
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 47 Secondo

Stella Falk credeva nel potere curativo del sonno. I suoi figli scherzosamente chiamavano la loro casa “la casa del sonno sacro”. Era anche affascinata dai sogni e amava raccontare i suoi al tavolo da pranzo di famiglia. Suo marito scuoteva la testa e diceva: “Stella, hai una vita notturna così interessante”.

Anni dopo, nel 1977, quando la dottoressa Cartwright pubblicò il suo primo libro, lo intitolò “Night Life: Explorations in Dreaming”.

La dottoressa Cartwright è cresciuta credendo che il sonno fosse degno di studio: perché guariva, si chiedeva, e che ruolo avevano i sogni in quella guarigione? Incapace di trovare un programma di sonno al college, ha invece studiato psicologia, conseguendo la laurea e il master presso l’Università di Toronto e il dottorato di ricerca. dalla Cornell University.

Alla Cornell lo era uno dei primi ricercatori di empatia, conducendo i primi test per misurarlo e sfidando la saggezza prevalente che fosse una proiezione immaginativa; invece, ha detto in un articolo, era la capacità di “trasporre accuratamente se stessi” nelle esperienze di un altro. Dopo aver insegnato per due anni al Mount Holyoke College in Massachusetts, è stata assunta come ricercatrice presso l’Università di Chicago da Carl Rogers, uno dei fondatori della cosiddetta psicoterapia umanistica, interessato al lavoro che aveva svolto sull’empatia.

Sarebbe passato un decennio prima che la dottoressa Cartwright trovasse la sua strada nella ricerca sul sonno, ed è successo quasi per caso. Era un professore di psicologia presso l’Università dell’Illinois College of Medicine. Suo marito, Desmond Cartwright, uno psicologo britannico che sposò all’inizio degli anni Cinquanta, aveva abbandonato lei e le loro due giovani figlie, e come ricordava in “Crisis Dreaming: Using Your Dreams to Solve Your Problems” (1992, scritto con Lynne Lamberg), era devastata e profondamente depressa, il suo sonno turbato da sogni pieni di ansia.

Dal momento che non riusciva a dormire, la dottoressa Cartwright pensava che avrebbe potuto usare le sue notti per qualcosa di produttivo. Ha assunto babysitter notturne e ha aperto il suo primo laboratorio del sonno, usando la sua formazione in psicoterapia per comprendere le narrazioni nei sogni riferiti dai suoi soggetti di ricerca.

#Rosalind #Cartwright #psicologa #Queen #Dreams #muore #anni

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *