Va bene che i nostri corpi siano cambiati durante la pandemia

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 56 Secondo

Se la tua mente sputa pensieri negativi da sola, prova a praticare “fermare il pensiero”, una tecnica spesso utilizzata nella terapia cognitivo comportamentale, ha detto il dottor Cox. Quando un pensiero negativo sul tuo corpo ti viene in mente, dì “stop”. Quindi, rimpiazza consapevolmente quel pensiero con uno positivo. Ad esempio: se ti trovi di fronte allo specchio, concentrato sul grasso della pancia, interrompi quel pensiero e ricorda a te stesso che il tuo corpo ha portato un bambino, o ha corso maratone o ti permette di trasportare il pacciame nel tuo giardino.

La cultura della dieta è ovunque. Ad esempio, i termini “quarantine 15” o “the Covid 19.” Questi termini di aumento di peso hanno spinto l’idea sui social media e sui siti di cultura popolare che, tra malattie di massa, disoccupazione e altri problemi pandemici, un aspetto degno della tua energia emotiva fosse rimanere abbastanza magro da stare nei tuoi jeans.

Anche se nessuno ha mai trovato difetti nel tuo corpo, molto probabilmente hai idee interiorizzate su come dovrebbero farlo i corpi Guarda. È probabile che quelle idee siano separate dalla nostra salute reale. Queste idee sono collegate al bisogno incessante del capitalismo di vendere prodotti dietetici, ha detto Connie Sobczak, co-fondatrice e direttrice esecutiva del Body Positive, un’organizzazione no profit che guida la formazione sulla positività del corpo. La creazione di una gerarchia di corpi buoni, migliori e migliori genera opportunità di mercato per vendere ciò di cui abbiamo bisogno per ottenere quei corpi.

Dai un’occhiata ai tuoi media e al consumo dei social media. Considera l’idea di smettere di seguire o silenziare amici, influencer e celebrità che difendono la magrezza. Un altro passaggio? Richiamando, anche se solo a te stesso, esempi di fobia grassa in programmi TV, film e altro ancora. Quando inizi a notare intenzionalmente la cultura della dieta ogni volta che la vedi, rimarrai sbalordito di come ha permeato il nostro discorso quotidiano.

Le persone che vivono in corpi più grandi spesso non si sentono i benvenuti in determinati spazi, come la palestra, ha detto il dottor Cox. Ma praticare l’accettazione del corpo può cambiarlo.

“La ricerca mostra che la vergogna non funziona”, ha detto il dottor Cox. “La vergogna non porta effettivamente a un cambiamento comportamentale, ma l’accettazione favorisce il cambiamento comportamentale e ci incoraggia ad essere attivi in ​​spazi in cui tradizionalmente non siamo i benvenuti”. Ha indicato un 2011 studia nella rivista Qualitative Health Research. I partecipanti sono stati invitati a partecipare al Fatosfera, una comunità online in cui la parola “grasso” era neutra e trattata come qualsiasi altro descrittore: ad esempio, avere i capelli castani o essere bassi o alti. Le conversazioni negative sul peso non erano consentite ei partecipanti sono stati sollecitati ad aprirsi sulle loro esperienze in uno spazio sicuro per il corpo positivo. Dopo un anno di partecipazione alla Fatosphere, i partecipanti hanno riportato cambiamenti positivi nel loro benessere generale. Si sentivano anche più sicuri di entrare in spazi che tradizionalmente avrebbero evitato. Quando le persone iniziano a vedere i loro corpi come la meraviglia che sono, non le cose che non sono, “le persone trovano effettivamente la libertà di fare cose che la società dice loro che non possono fare”, ha detto il dottor Cox.

Fare il primo passo in uno spazio apparentemente ostile può essere scoraggiante, specialmente dopo un anno trascorso a casa. Il dottor Cox consiglia di iniziare con affermazioni positive.

#bene #che #nostri #corpi #siano #cambiati #durante #pandemia

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *