Vaccino non provato? Nessun problema in Cina, dove le persone si affannano per gli scatti

Visualizzazioni: 12
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 43 Secondo

Ethan Zhang doveva tornare al lavoro. Il lavoro era in Costa d’Avorio, tuttavia, e da gennaio l’epidemia di coronavirus globale aveva bloccato il traduttore di 26 anni nella Cina continentale.

Poi gli amici hanno detto al signor Zhang di un modo in cui avrebbe potuto mettere le mani su quello che potrebbe essere il premio più ambito al mondo: un vaccino contro il coronavirus. Sebbene i candidati al vaccino della Cina non siano stati formalmente dimostrati sicuri o efficaci, i funzionari li hanno iniettati in migliaia di persone in tutto il paese, apparentemente in base a una politica di utilizzo di emergenza. Una di queste campagne, dissero i suoi amici, era in corso nella città di Yiwu, nella Cina orientale.

Il signor Zhang ha preso un aereo per Yiwu da Pechino quella notte. È rimasto in fila per quattro ore fuori da un ospedale. Ha pagato $ 30. Ha avuto il suo colpo.

E ha espresso poca preoccupazione per il fatto che la sostanza che era stata iniettata nel suo braccio sia ancora in fase di test, un atteggiamento che sta suscitando preoccupazione tra gli esperti di salute globale.

“Mi sento più sollevato ora che ho protezione”, ha detto il signor Zhang. “Da quando hanno iniziato a usarlo su alcune persone in caso di emergenza, mostra che c’è una certa garanzia.”

La Cina ha reso ampiamente disponibili i suoi candidati non provati per dimostrare la loro sicurezza ed efficacia a un paese che è stato a lungo scettico sui vaccini dopo un ondata di qualità scandali. Funzionari governativi e alti dirigenti farmaceutici parlano con orgoglio di essere stati vaccinati.

La campagna è riuscita forse fin troppo bene. Le 500 dosi di Yiwu furono consumate in poche ore. Altre città stanno limitando le dosi o chiedendo alle persone di dimostrare che stanno viaggiando. La travolgente domanda ha ispirato un’industria artigianale di bagarini – chiamati “mucche gialle” in Cina, le persone che di solito ottengono i nuovi iPhone o i biglietti ferroviari caldi – che fanno pagare fino a $ 1.500 per un appuntamento.

Quegli utenti potrebbero correre grandi rischi. Le persone che hanno assunto vaccini inefficaci potrebbero credere di essere al sicuro e assumere comportamenti rischiosi. Può essere impedito loro di prendere un altro vaccino migliore perché sono già stati iniettati. In alcuni casi in passato, i vaccini non provati hanno causato rischi per la salute.

I potenziali problemi spesso non vengono discussi. Le copie dei moduli di consenso alla vaccinazione per un candidato che sono stati esaminati dal New York Times non hanno specificato che il prodotto fosse ancora in fase di test.

“Questi tipi di rischi non sono stati chiaramente rivelati”, ha detto Yanzhong Huang, senior fellow per la salute globale presso il Council on Foreign Relations ed esperto di assistenza sanitaria in Cina.

Eventuali segnalazioni di morti o malattie potrebbero riaccendere la sfiducia nei vaccini. La Cina ha trascorso anni promettendo di ripulire la sua industria dei vaccini dopo gli scandali.

“Rischiamo di perdere la fiducia nelle persone se effettivamente si verificano effetti negativi”, ha detto Kristine Macartney, direttrice del Centro nazionale per la ricerca e la sorveglianza sull’immunizzazione a Sydney, in Australia.

Non è chiaro quante persone abbiano già ricevuto un candidato vaccino. La Cina ha messo a disposizione tre dei suoi quattro candidati in una fase avanzata di test umani, chiamati test di Fase 3, a disposizione di decine di migliaia di dipendenti presso aziende statali, funzionari governativi e dirigenti aziendali da luglio. Una volta completate le sperimentazioni di Fase 3, le aziende presenterebbero i risultati alle autorità di regolamentazione dei paesi in cui desiderano vendere i loro vaccini. Le autorità li esaminerebbero e li valuterebbero per l’approvazione.

I governi locali hanno indicato che intendono rendere disponibili gli attuali vaccini a più persone. Pechino afferma di tenere sotto controllo coloro a cui sono stati somministrati i vaccini ma non ha rivelato alcun dettaglio.

Il contrasto con gli Stati Uniti è netto. Un numero crescente di sondaggi hanno dimostrato che molti americani non prenderebbero un vaccino contro il coronavirus, il che potrebbe mettere in pericolo gli sforzi per eliminare la pandemia. Secondo a sondaggio online globale pubblicato in ottobre sulla rivista Nature, gli intervistati dalla Cina hanno dato la percentuale più alta di risposte positive quando è stato chiesto se avrebbero preso un “vaccino provato, sicuro ed efficace”.

“In Cina, c’è questa tendenza del tipo ‘tutti lo stanno ricevendo, quindi lo voglio anche io'”, ha detto Jennifer Huang Bouey, ricercatrice politica senior presso la RAND Corporation. “Il loro problema è diverso dagli Stati Uniti. Probabilmente devono pensare a come non creare una rivolta quando si ottiene un vaccino, non tanto a come provare a lanciarlo”.

I funzionari cinesi hanno difeso rendendo disponibili candidati vaccinali. Zheng Zhongwei, un alto funzionario della Commissione sanitaria nazionale cinese, Il mese scorso ha affermato che il trasferimento è “un mezzo molto necessario per proteggere la vita e la salute delle persone”, date le epidemie all’estero. La scorsa settimana, il presidente di Sinopharm, Liu Jingzhen, ha annunciato che circa 100.000 persone hanno assunto il vaccino dell’azienda e nessuna ha mostrato reazioni avverse finora. Ha detto che 56.000 di loro avevano viaggiato all’estero dopo aver preso il vaccino e nessuno era stato infettato.

La spinta della Cina ha assunto sfumature nazionalistiche, e molti hanno celebrato il fatto che il paese ha candidati nelle fasi finali dei processi.

Wang Mingtao, un impiegato di 43 anni in una società di miniere d’oro in Ghana, ha pubblicato un video su Douyin, la versione cinese di TikTok, di persone in fila per ottenere il vaccino presso la sede di Pechino di Sinopharm, la casa farmaceutica cinese di proprietà statale , con lo slogan: “Il mio paese è potente”.

Il signor Wang, che si è recato a Pechino dalla città settentrionale di Xian, ha detto di non essere preoccupato per l’assunzione di un vaccino sperimentale. Ha pagato $ 150 per il vaccino, prodotto da una sussidiaria di Sinopharm, il Beijing Institute of Biological Products.

Le dosi non vengono sempre somministrate come dovrebbero. Il 26 settembre, il signor Wang ha ricevuto due colpi, uno su ciascun braccio. Le due dosi devono essere somministrate a 14 o 28 giorni di distanza. Il signor Wang ha detto che aveva fretta di viaggiare e non voleva tornare a Pechino.

“Il paese dice che questo vaccino è OK”, ha detto, “quindi penso che sia meglio prenderlo”.

Il signor Liu, presidente di Sinopharm, ha affermato che “in circostanze speciali”, le due dosi potrebbero essere somministrate contemporaneamente, su ciascun braccio, secondo il quotidiano Guangming Daily. I due colpi dovrebbero essere somministrati a giorni di distanza per generare una risposta immunitaria più forte, ha detto Clarence Tam, assistente professore presso la Saw Swee Hock School of Public Health dell’Università Nazionale di Singapore che ricerca i vaccini.

I primi rilasci hanno contribuito a evidenziare un potenziale problema: la distribuzione di un vaccino approvato. La domanda è così alta che il governo e le aziende potrebbero lottare con la distribuzione sia in patria che in altri paesi Pechino ha promesso il trattamento a.

Wendy Zhang, un’operatrice medica di 26 anni della città orientale di Jinan, ha detto di aver dovuto aspettare 57 giorni per ottenere il suo secondo vaccino a ottobre perché i candidati erano finiti. Ha detto che si era sentita sollevata dopo averlo preso.

“Non ci sono state reazioni avverse dopo la vaccinazione, indicando che la sicurezza del vaccino sviluppato dalla Cina è fuori dubbio”, ha detto la signora Zhang.

Eden Huang, uno studente di 19 anni recentemente arrivato ad Amsterdam, ha provato a iscriversi quattro volte quando Sinopharm ha detto che stava permettendo agli studenti di registrare il loro interesse a ottenere un vaccino. Ha anche chiamato vari ospedali nella provincia di Zhejiang, ma senza successo.

“Sono molto ansioso”, ha detto il signor Huang. “I governi europei non prendono Covid sul serio quanto il nostro governo cinese”.

Il signor Huang ha detto di non essere preoccupato per eventuali problemi di sicurezza, citando i rapporti secondo cui i vaccini sono stati testati su più di 60.000 persone durante le prove. “Questo vaccino mi farebbe più bene che male”, ha detto.

Per chi è sfortunato, ci sono sempre gli scalper. Per una tariffa che va da $ 600 a $ 1.500, possono prenotare appuntamenti per il vaccino, dicono.

Molti sono stati cauti su come hanno potuto prenotare questi appuntamenti. Uno scalper chiamato il signor Li, che ha rifiutato di dare il suo nome completo per paura di una punizione da parte delle autorità, ha detto che ha collaborato con le aziende e che ha prenotato gli appuntamenti con Sinovac, un’azienda privata con un vaccino in fase avanzata di sperimentazione, attraverso queste società.

“Alcune persone mi sono state particolarmente grate per averle aiutate”, ha detto il signor Li, anche se temeva di poter fare qualcosa di illegale.

Altri erano più cauti riguardo al vaccino.

A Shaoxing, una città che recentemente ha anche offerto alle persone l’accesso ai vaccini, He Meili, un tassista, ha detto che la sua azienda aveva detto a lei e ad altri che avrebbe potuto aiutare a organizzare per loro le cure per $ 120.

“Mi piacerebbe aspettare e vedere”, ha detto la signora He. “Sono ancora un po ‘preoccupato.”

Liu Yi ha contribuito alla ricerca.

#Vaccino #provato #Nessun #problema #Cina #dove #persone #affannano #gli #scatti

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *