Visone e il Coronavirus: cosa sappiamo

Visualizzazioni: 23
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 43 Secondo

La scorsa settimana, la Danimarca ha annunciato la sua intenzione per abbattere tutti i visoni d’allevamento, circa 17 milioni, per paura che una versione mutata del coronavirus possa diminuire l’efficacia dei potenziali vaccini.

Da allora la decisione è stata sospesa per questioni di autorità legale. Mentre il governo cerca una nuova legislazione, continuano gli abbattimenti di visoni negli allevamenti infetti, così come lo sgomento in altri paesi e un dibattito tra gli scienziati sulla validità delle preoccupazioni.

Sei paesi – Danimarca, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Italia e Stati Uniti – hanno segnalato casi di visone d’allevamento infettato da SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19. Mink prende il virus dagli umani e lo trasmette a vicenda. A differenza di cani, gatti e alcuni altri animali, che esprimono solo sintomi lievi, se presenti, il visone può ammalarsi e morire a causa di un’infezione.

Ecco le risposte alle domande di base su visone e coronavirus:

Sì. In Danimarca, i visoni hanno contratto il virus e lo hanno diffuso alle persone. Lo stesso è accaduto quest’anno nei Paesi Bassi.

Sì. In più di 200 persone, le autorità danesi hanno documentato diverse varianti del virus che contengono mutazioni originarie del visone. Il virus muta anche nelle persone.

No. Non ci sono prove che nessuna delle mutazioni che hanno avuto origine nel visone renda il coronavirus più trasmissibile negli esseri umani o renda l’uomo più malato.

Le autorità sanitarie danesi temevano che una serie di mutazioni in una variante del virus chiamata cluster 5, che aveva infettato almeno 12 persone, potesse rendere meno efficace un potenziale vaccino contro il coronavirus.

Una delle mutazioni si verifica su una parte del virus – la proteina spike – che è bersaglio di molti potenziali vaccini. In studi di laboratorio, le cellule con questa variante del virus sono state esposte ad anticorpi, che non hanno agito così fortemente come avevano con altre varianti di coronavirus.

Ma questo era un test molto preliminare. La reazione agli anticorpi nelle cellule di laboratorio non indica necessariamente che il virus mutato sarebbe resistente ai vaccini; solleva semplicemente questa possibilità.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e esperti indipendenti hanno affermato che finora non c’erano prove che la variante del cluster 5 diminuisse il valore dei vaccini attualmente in fase di sviluppo.

Gli scienziati dicono che ci sono ragioni oltre questo particolare virus mutato perché la Danimarca possa agire. È stato dimostrato che gli allevamenti di visoni sono serbatoi per il coronavirus e i visoni sono in grado di trasmettere il virus all’uomo. Sono l’unico animale conosciuto per farlo.

Questo insieme di mutazioni potrebbe non essere dannoso per l’uomo, ma il virus continuerà senza dubbio a mutare nei visoni come fa nelle persone, e le condizioni di affollamento degli allevamenti di visoni potrebbero esercitare pressioni evolutive sul virus diverse da quelle della popolazione umana. Il virus potrebbe anche passare dal visone ad altri animali. Queste sono tutte possibilità preoccupanti, in particolare nel mezzo di una recrudescenza del virus nella popolazione umana.

#Visone #Coronavirus #cosa #sappiamo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *